Comunicati

La Camerata Musicale Barese rivela alcune delle anticipazioni in merito al Cartellone numero 77.

Anche per la prossima Stagione, ricca di straordinari Eventi,  sarà assicurato un elevato livello qualitativo.

Per alcuni degli appuntamenti in Cartellone sono già aperte le prenotazioni, sia sul sito www.cameratamusicalebarese.it  e sia presso gli uffici della Camerata:

Gli appuntamenti già prenotabili sono:

il “Tributo ad Adriano Celentano”,  in programma il  9 dicembre al Teatro Petruzzelli, un grande omaggio al celebre cantante, i cui brani verranno reinterpretati in chiave jazz con celebri esecutori quali Beppe Servillo, Javier Girotto, Fabrizio Bosso, Furio Di Castri, Rita Marcotulli e Mattia Barbieri, e con un Concerto Evento  di Fabio Concato ed il Paolo Di Sabatino Trio, in un viaggio attraverso i brani del cantautore milanese rivisitati in chiave jazz acustico.

Il 5 febbraio il Concerto Evento di Fabio Concato accompagnato dal Trio di Paolo Di Sabatino, in un viaggio attraverso i brani del cantautore milanese rivisitati in chiave jazz acustico. Saranno questi i primi appuntamenti inseriti nelle “Notti di Stelle Winter”.

IlMusical “Kiss me, Kate”, il 7 marzo 2019 sempre al Petruzzelli, che rese celebre Cole Porter e che a distanza di 70 anni dall’esordio è ancora pieno di fascino: uno spettacolo che attrae non solo per le musiche immortali ma anche per la comicità, la perfetta teatralità ed i numeri di danza in un clima di particolare romanticismo.

Già in vendita anche il Primo Evento Straordinario fuori abbonamento: Mario Biondi, singer dalla voce calda, profonda, sensuale, eppure limpida e sicura. Il suo concerto è fissato il 26 novembre prossimo al Teatro Petruzzelli e già si preannuncia uno strepitoso sold out…

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel 080/5211908 e sul sito www.cameratamusicalebarese.it


La Camerata Musicale Barese è da tempo impegnata per definire il Cartellone della 77ª Stagione, degno delle tradizioni e dei grandi Eventi che hanno finora accompagnato la vicenda artistica, culturale e civica della Camerata nei suoi 76 anni di vita. 

Fra i nomi che i Dirigenti della Camerata hanno finora rivelato, spicca l’inaugurazione del 22 ottobre con la Kodaly Philarmonic Orchestra, diretta da Dániel Somogyi-Tóth e che vedrà la partecipazione della giovane e promettente violoncellista Erica Piccotti, nuovo astro musicale italiano che, a soli 20 anni, ha conquistato numerosi primi premi nazionali ed internazionali.

Sempre per la Concertistica spicca il nome del Violinista Schlomo Mintz. Critici, colleghi e pubblico sono concordi nel considerarlo uno dei maggiori violinisti del nostro tempo, stimato per la sua impeccabile musicalità, versatilità stilistica e padronanza tecnica. Nato a Mosca nel 1957, due anni dopo è emigrato con la famiglia in Israele, poi a New York. Ha collaborato con direttori insigni e le migliori orchestre del mondo, vincendo prestigiosi concorsi internazionali. Olandese di nascita e formazione è invece il pianista Sander Sittig, in questi anni spesso al fianco di Shlomo Mintz in tour mondiali.

Il tradizionale “Concerto di Capodanno” sarà a cura dell’Orchestra Filarmonica di Odessa diretta da Earl Hoberted, solista Alexei Stadler, uno dei migliori giovani violoncellisti della sua generazione, vincitore di importanti premi e con già all’attivo concerti da Tokio a New York: in programma l’esecuzione del fantastico 1° Concerto per Violoncello ed Orchestra di D. Shostakovic che ha fatto scalpore nel suo debutto con i BBC Proms in Londra..

Per il “TeatroMusicale” “Kiss me, Kate”, il musical di Cole Porter in una nuova produzione in esclusiva nazionale. Considerato il vero capolavoro di Porter, questo musical, ispirato alla commedia di Shakespeare "La bisbetica domata", è uno dei classici di Broadway più amato da critica e pubblico perché contiene alcune delle più belle e famose canzoni del repertorio dell’autore. L’ ottimo dosaggio di humor, romanticismo e divertente satira, ne fanno uno show perfetto sotto tutto i punti di vista.

Altro appuntamento con l’attrice Stefania Rocca che sarà la voce recitante di “Esercizi di Stile”, l’incontro tra il testo di Raymond Queneau e la musica francese del Novecento. L’attrice sarà accompagnata da Patrizia Bettotti violino, Giampiero Sobrino clarinetto, Andrea Dindo pianoforte. Giochi di parole, strumenti linguistici, registri espressivi e parodie letterarie saranno alternati alle asimmetrie e giocosità di Francis Poulenc e di Darius Milhaud, i lirismi di Gabriel Faurè, ai suoni puri di Maurice Ravel. Un accostamento quindi che è insieme sfida e complicità fra le due arti e che propone gli esercizi di stile nella traduzione (o forse più propriamente nell'adattamento alla lingua italiana) di Umberto Eco accanto ad alcune delle più belle pagine del repertorio cameristico.

Per il Jazz il “Tributo ad Adriano Celentano”, un grande omaggio al celebre cantante, i cui brani verranno reinterpretati in chiave jazz con celebri esecutori quali Peppe Servillo, Javier Girotto, Fabrizio Bosso, Furio Di Castri, Rita Marcotulli e Mattia Barbieri e il Concerto Evento di Fabio Concato accompagnato dal Trio di Paolo Di Sabatino, in un viaggio attraverso i brani del cantautore milanese rivisitati in chiave jazz acustico. Saranno quest’ultimi due alcuni degli appuntamenti inseriti nel programma di “Notti di Stelle Winter”.

Il 29 gennaio Gino Paoli, in esclusiva regionale, calcherà il palcoscenico del Teatro Petruzzelli dopo la forzata assenza nel concerto evento di Cammariere/Paoli/Rea. In questo nuovo progetto “Paoli Canta Paoli” il cantautore genovese sarà accompagnato da Rita Marcotulli, Ares Tavolazzi e Alfredo Golino.

Per la Danza, un classico del Balletto, “Giselle”rappresentato del Classical Russian Ballet per la prima volta a Bari.  La Compagnia è stata fondata a Mosca nel 2004 da Hassan Usmanov, Direttore artistico della Compagnia e principale ballerino. Riconosciuta in tutto il mondo come una delle Compagnie di balletto russo di maggior prestigio, il suo corpo di ballo è composto da ballerini provenienti dalle maggiori Compagnie russe, diplomati all'Accademia di danza del Bolshoi, all'Accademia di Vaganova e in altre rinomate scuole di danza della Russia. La Compagnia si è esibita con successo in Russia e nell’intera Europa oltre che in Giappone ed altri Paesi.

Ma questi sono soltanto alcuni nomi della Stagione targata 77ª.

Continuano intanto le prenotazioni per il Concerto che Mario Biondi terrà al Petruzzelli il prossimo 26 Novembre, in esclusiva regionale, come anche la campagna abbonamenti per l’Intera Stagione.

Per informazioni e prenotazioni di abbonamenti, rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel 080/5211908 e sul sito www.cameratamusicalebarese.it


Ultimo appuntamento della tradizionale rassegna   jazz estiva "Notti di Stelle", che quest’anno si è svolta con grande successo sul  suggestivo Sagrato  della Basilica di San Nicola.  

Grande conclusione domani  12 luglio con il gruppo degli Hudson, un collettivo composto da:

Jack Dejohnette, John Scofield, John Medeski e Scott Colley, quattro grandi artisti che, sulle orme di Miles Davis, intendono scrivere un nuovo capitolo dell'incontro tra jazz e rock.

Per proprio conto, il batterista Jack DeJohnette, il bassista Larry Grenadier, il tastierista/organista John Medeski ed il chitarrista John Scofield possono vantare carriere straordinarie sia nella loro diversità che nella loro portata, riuscendo a raggiungere un grande pubblico in una vasta gamma di generi e stili dal jazz al rock ed oltre. Insieme costituiscono un raro supergroup degno di questo nome. Quello che li ha riuniti non è solo la loro musica avventurosa e virtuosistica, ma un amore comune per lo scenario e per lo spirito della valle del fiume Hudson, un posto che tutti e quattro chiamano casa.

La Hudson Valley, dove si svolse nel ’69 il leggendario festival di Woodstock, dà il nome sia alla formazione che all’album omonimo e ne rappresenta la principale fonte d’ispirazione: è qui che i quattro veterani del jazz hanno deciso di stabilirsi e, dopo essersi incrociati più volte nel corso di illustri carriere.

Nel radioso esordio discografico, i maestri sviluppano il tema di Woodstock e interpretano in chiave jazz-fusion alcuni classici di Bob Dylan, Joni Mitchell e Jimi Hendrix, affiancandovi composizioni originali.

La Camerata Musicale Barese ha utilizzato  per il festival  “Notti di Stelle” un  palco particolare, un palco mobile di 14 metri per 10 (altezza 14 mt.) che nella sua imponenza strutturale è stato usato per la prima  volta in tutta la Regione.

Il palco è di una ditta altamente specializzata la International Sound di Conversano, che ha assicurato alla Camerata Musicale Barese il nolo esclusiva di questa splendida struttura.

La Camerata comunica inoltre che è in corso la campagna abbonamenti per la 77ª Stagione che si annuncia densa di contenuti artistici e musicali

Per informazioni e prenotazioni gli interessati possono rivolgersi presso gli uffici della Camerata infotel 080/5211908, Box Office c/o La Feltrinelli e on-line sul sito www.cameratamusicalebarese.it


Nella storica location del Sagrato della Basilica di San Nicola, il Festival jazz “Notti di Stelle” accoglie il concerto del Trio di Chano Dominguez che  si terrà mercoledì 11 luglio alle ore 21.

Il maestro Dominguez è famoso in tutto il mondo per la sua capacità magistrale e poetica nel saper combinare il flamenco e il jazz in un unico stile.

Nato a Cadiz in Spagna nel 1960, divenne subito famoso nel mondo del progressive rock, prima di muoversi verso il jazz. Durante gli anni è diventato un riferimento mondiale come pianista jazz, ricevendo diverse candidature ai Grammy Award nella categoria latin jazz, e ha collaborato con i più grandi nomi del jazz mondiale, come Paco de Lucía, Enrique Morente, Jorge Pardo, Carles Benavent, Martirio, Wynton Marsalis, Paquito d’Rivera, Jack DeJohnette, Herbie Hancock, Jerry Gonzalez, Gonzalo Rubalcaba, Michel Camino, Chucho Valdés ed altri.

Attualmente vive in America ,a New York, dove svolge anche attività di insegnante e preparatore, lavorando per Taller de Músics in Barcelona, The Music Conservatory of Bogotá, the Julliard School in New York e School of Music at the University of Washington.

Chano Dominguez è stato di recente ospite della trasmissione su Rai 1 di Stefano Bollani L’importante è avere un piano.

La sua  musica è una commistione di flamenco e jazz, connubio che esalta la passionalità andalusa e la creatività degli ambiti afroamericani nei quali la musica jazz è nata.

Nel 2016 ha ricevuto la quarta nomination ai Grammy per il disco Bendito, un connubio vincente che esalta la contagiosa passionalità del genere musicale andaluso e la fervida creatività tipica della musica afroamericana.

Completano il Trio Horacio Fumero (basso elettrico) e David Xirgu (batteria).

Chiusura del Festival giovedì 12 luglio, sempre sul Sagrato della Basilica di San Nicola, con il supergruppo  HUDSON, formato da Jack DeJohnette · John Scofield · John Medeskie Scott Colley.

Per i due concerti  ultimi biglietti LAST MINUTE  disponibili nei settori riservati.

Per informazioni e prenotazioni gli interessati possono rivolgersi presso gli uffici della Camerata infotel 080/5211908, Box Office c/o La Feltrinelli e on-line sul sito www.cameratamusicalebarese.it


Mercoledì 11 e giovedì 12 luglio, la Camerata Musicale Barese propone gli ultimi due appuntamenti della tradizionale Rassegna  Jazz  “Notti di Stelle”, che tanto successo ha sempre riscosso durante le estati baresi negli ultimi decenni.

Complice anche la location scelta per far vibrare le note e i virtuosismi degli artisti in scena:  il Sagrato della Basilica di San Nicola, infatti, anche per questa edizione rappresenta la scenografia naturale delle varie performance artistiche, con le suggestioni derivanti dalla sua bellezza storico e artistica.

L’11 luglio sarà la volta del pianista Chano Dominguez, che celebrerà il connubio tra il jazz e la tradizione del flamenco, fusione che rappresenta la sua cifra stilistica, e che l’ha portato, nel corso degli anni, alla collaborazione con grandi nomi del jazz come Paco de Lucia, Wynton Marsalis, Harbie Hancock.

Il 12 luglio la performance si farà corale, con il collettivo jazz Hudson, composto daJack Dejohnette, John Scofield, John Medeski e Scott Colley, che animeranno il pubblico con un repertorio di genere folk-rock-blues. Un genere che trae ispirazione dalle sonorità di artisti come Bob Dylan, The Band, Joni Mitchell, tutti legati alle suggestioni dei luoghi intorno al fiume Hudson appunto, le cui acque scorrono dal Canada fino a New York.

L’Evento, come è noto, sarà in esclusiva nazionale nell’ambito di una tournèe prettamente europea che toccherà città come Lugano, Rotterdam, Marsiglia ed altre.

Per queste due serate-evento la Camerata mette a disposizione, in occasione della chiusura della 76ª Stagione, a partire da sabato 7 luglio, 50 biglietti LAST MINUTE nei settori riservati, fino ad esaurimento posti.

Una promozione di cui approfittare per godere della meraviglia di uno spettacolo che lascerà incantato il pubblico.

Continua intanto la campagna abbonamenti per la 77ª stagione della Camerata come anche la prevendita dell’Evento fuori programma di Mario Biondi previsto per il prossimo 26 Novembre.

Per informazioni rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese, in Via Sparano 141 e on line sul sito www.cameratamusicalebarese.it


La tradizionale rassegna "Notti di Stelle" torna per  gli ultimi due appuntamenti presso il Sagrato della Basilica di San Nicola di Bari, location legata a doppio filo con il successo della storica rassegna estiva della Camerata.

Mercoledì 11 luglio il Sagrato della Basilica si riempirà di musica  con le note del pianista Chano Dominguez che farà vibrare all’unisono le corde e i cuori degli spettatori grazie ai ritmi travolgenti del flamenco spagnolo e del jazz.

La sua musica è un  connubio che esalta la passionalità andalusa e la creatività degli ambiti afroamericani nei quali la musica jazz è nata. Virtuoso del piano, ha influenzato e cambiato la storia del flamenco-jazz: in oltre 40 anni di ricca carriera ha condiviso il palco insieme ad alcuni leggendari jazzisti, tra i quali Paco De Lucia, Wynton Marsalis, Paquito D’Rivera, Jack DeJohnette, Herbie Hancock, Gonzalo Rubalcaba, Chucho Valdés, Joe Lovano.

Chano Dominguez ha entusiasmato gli animi di ogni genere di pubblico grazie alla sua grazia interpretativa e alla collaborazione con altri rinomati artisti afferenti ad entrambi i mondi del jazz e del flamenco, da lui fusi in performance, che gli sono valse varie nomination ai Grammy, non ultima quella del 2016 per il brano “Bendito”.

A concludere le Notti di Stelle della Camerata, l’appuntamento il 12 luglio con il collettivo Jazz Hudson, composto da quattro ben noti concertisti internazionali: Jack Dejohnette, John Scofield, John Medeski e Scott Colley.

Il Quartetto  Hudson è  accomunato dalla residenza montano-campagnola tra le Catskills e, appunto, la Hudson Valley, a un paio d’ore di strada da NYC.

Ma non e? solo una banale faccenda geografica: sono legati da un profondo rispetto per il repertorio folk-rock-blues di una cinquantina d’anni fa, nelle riletture di grandi classici di Bob Dylan, Joni Mitchell e Jimi Hendrix .

Due appuntamenti con la grande musica jazz, un’occasione per vivere insieme un’emozione  nel Borgo Antico nel solco delle  suggestive tradizioni proposte dalla Camerata Musicale Barese.

Per informazioni e prenotazioni gli interessati possono rivolgersi presso gli uffici della Camerata infotel 080/5211908, Box Office della Feltrinelli  e on-line sul sito www.cameratamusicalebarese.it 


Terzo appuntamento della rassegna “Notti di Stelle, consueto appuntamento estivo con gli appassionati del Jazz.

La XXIX edizione ritorna nella splendida ed emozionante cornice del Sagrato della Basilica di San Nicola, grazie alla sensibilità ed amicizia con il Priore Padre Giovanni Distante.

Il terzo concerto, in Piazza San Nicola, l’11 luglio, sarà dedicato al Flamenco e al jazz: un connubio vincente che esalta la contagiosa passionalità del genere musicale andaluso e la fervida creatività tipica della musica afroamericana.

Chano Dominguez, eccezionale pianista spagnolo fra i più accreditati e conosciuti in ambito internazionale, ha influenzato e cambiato la storia del flamenco-jazz. In oltre 40 anni di ricca carriera ha condiviso il palco insieme ad alcuni leggendari jazzisti, tra i quali Paco De Lucia, Wynton Marsalis, Paquito D’Rivera, Jack DeJohnette, Herbie Hancock, Gonzalo Rubalcaba, Chucho Valdés, Joe Lovano, George Mraz. Grazie al suo vibrante pianismo, assai coinvolgente dal punto di vista emozionale, ha incantato le platee di tutto il mondo. Dominguez non è solo un pianista di indubbio spessore, ma anche un prolifico compositore. I suoi brani originali, infatti, sono stati eseguiti e interpretati da svariate e prestigiose orchestre, come: The Lincoln Center Jazz Orchestra, WDR Cologne Big Band, Orquesta Nacional de Espana, Orquesta Nacional de Latvia, Orquesta de Cámara del Vallés e Orquesta Nacional de Costa Rica.

Nel 2016 ha ricevuto la quarta nomination ai Grammy per il disco Bendito.

Completano il Trio Horacio Fumero (basso elettrico) e David Xirgu (batteria).

Grandissima chiusura il 12 luglio, sempre sul Sagrato della Basilica di San Nicola, con il gruppo degli  HUDSON, formato da Jack DeJohnette · John Scofield · John Medeskie Scott Colley, quattro leader di elevato spessore.

La Camerata comunica inoltre che è in corso la campagna abbonamenti per la 77ª Stagione che si annuncia densa di contenuti artistici e musicali e che sono disponili prenotazioni per il primo degli Eventi fuori programma, il Galà con Mario Biondi previsto per il prossimo 26 novembre.

Per informazioni e prenotazioni gli interessati possono rivolgersi presso gli uffici della Camerata infotel 080/5211908, Box Office c/o La Feltrinelli e on-line sul sito www.cameratamusicalebarese.it

 


La Camerata Musicale Barese, in relazione ai limitati  rimborsi concessi per  i biglietti del concerto di Cammariere/Paoli/Rea, comunica che gli stessi saranno operativi  - a mezzo bonifico bancario - a partire dal 9 luglio prossimo in ordine di data di acquisto di ciascun biglietto.

Tanto sia per ragioni ammnistrative collegate ad adempimenti Siae e sia per il surplus lavorativo del Servizio Biglietteria  della Camerata attualmente  impegnato per  il  Festival “Notti di Stelle”.

Infine è appena il caso di sottolineare che nessun rimborso poteva essere autorizzato, visto il normale svolgimento dello  spettacolo con Sergio Cammariere  e Danilo Rea, se non per la salvaguardia della tradizione,  correttezza e immagine della  Camerata Musicale Barese.

In alternativa al rimborso, lo stesso   potrà  anche essere utilizzato per la prenotazione del programmato  concerto  di Gino Paoli del 29 gennaio 2019.

Da oggi non sarà più possibile richiedere rimborsi  per obbligatori adempimenti amministrativi e fiscali.


Venerdì 29 giugno secondo appuntamento del Festival Jazz ““Notti di Stelle”della Camerata Musicale Barese con il “Perfect Trio” di Roberto Gatto.

Appuntamento alle ore 21 presso il Relais Villa San Martino a Martina Franca. Senza smettere di arricchire un curriculum di collaborazioni nel quale spiccano i nomi di Johnny Griffin, George Coleman, Curtis Fuller, Joe Zawinul, Pat Metheny, oltre che i principali musicisti Italiani,  Roberto Gatto vive fra Roma e New York e coltiva innanzitutto la propria musica.

Dopo una serie di situazioni più legate alla tradizione jazzistica  ora  si rivolge ora a esplorare nuove sonorità, richiamando alla memoria un suo altro recente progetto che ripercorreva il repertorio del progressive rock.

Senza dimenticare il legame con la tradizione, questo trio si muove all’insegna della sperimentazione legata alle nuove sonorità e conduce il pubblico nel mondo dell’elettronica e dell’improvvisazione, dando vita ad una performance multiforme.

Momenti di grande energia e groove si alternano a momenti di alto lirismo e sonorità progressive.

Roberto Gatto ha dato a questo gruppo il nome di “trio perfetto”, a indicare la formazione in cui attualmente si trova più a suo agio e che gli permette di suonare tutta la musica in assoluta libertà.

I compagni di palco  sono il pianista e tastierista Alfonso Santimone, uno dei più intraprendenti e creativi musicisti in attività e Pierpaolo Ranieri al basso elettrico, un giovane straordinario strumentista attento conoscitore delle nuove tendenze.

Prevendita a Martina Franca presso “Santoro Pianoforti” in  parallela viale Europa, presso gli uffici della Camerata in Via Sparano 141 e sul sito www.cameratamusicalebarese.it


Secondo appuntamento del Festival Jazz ““Notti di Stelle”: il 29 giugno la Camerata Musicale Barese programmerà aMartina Franca, presso il Relais Villa San Martino, il Perfect Trio di Roberto Gatto.

Quello del Perfect Trio è un concerto che senza dimenticare i legami con la tradizione del jazz, si muove all’insegna della sperimentazione legata alle nuove sonorità e conduce ogni volta il pubblico nel mondo dell’elettronica e dell’improvvisazione, dando vita ad una performance multiforme. Nel corso di una lunga e fortunata carriera che lo ha portato al vertice del jazz Italiano, del quale è uno dei musicisti più rappresentativi, Roberto Gatto ha iniziato a spostarsi dal ruolo di sideman di lusso a quello di leader, creando una serie di gruppi che, c’era da aspettarselo, hanno raccolto sempre un immediato successo.

Senza smettere di arricchire un curriculum di collaborazioni nel quale spiccano i nomi di Johnny Griffin, George Coleman, Curtis Fuller, Joe Zawinul, Pat Metheny, oltre che i principali musicisti Italiani, ora Roberto vive fra Roma e New York e coltiva innanzitutto la propria musica. Dopo una serie di situazioni più legate alla tradizione jazzistica (come gli omaggi in quintetto a Miles Davis e Shelly Manne), si rivolge ora a esplorare nuove sonorità, richiamando alla memoria un suo altro recente progetto che ripercorreva il repertorio del progressive rock.

Con il Perfect Trio troviamo momenti di grande energia e groove che si alternano a momenti di alto lirismo e sonorità progressive. Il suono del trio è connotato dal piano Fender, dai synth analogici, dai loops, dall’utilizzo di live electronics da parte di tutti e tre. Gatto ha dato a questo gruppo il nome di “trio perfetto”, a indicare la formazione in cui attualmente si trova più a suo agio e che gli permette di suonare tutta la musica in assoluta libertà. I compagni di palco del leader batterista sono il pianista e tastierista Alfonso Santimone, uno dei più intraprendenti e creativi musicisti in attività, e Pierpaolo Ranieri al basso elettrico, un giovane straordinario strumentista attento conoscitore delle nuove tendenze.

Prevendita a Martina Franca presso “Santoro Pianoforti” in  parallela viale Europa, presso gli uffici della Camerata in Via Sparano 141 e sul sito www.cameratamusicalebarese.it