Sala stampa

Quarto appuntamento con la Rassegna Jazz della Camerata Musicale Barese “Notti di StelleWinter” martedì 28 febbraio al Teatro Showville con   Mauro Campobasso e Mauro ManzoniSextet  in  “Duck You, sucker”. A Jazz Homage  To Sergio Leone”. 

Il jazz talvolta sembra una traduzione in musica del linguaggio dei pistoleri e dei gangster, basti pensare ai precari equilibri di una jam session:  i duelli tra i sassofonisti e quelli tra batteristi; vere e proprie battaglie musicali, in cui il fraseggio sincopato regna nervoso e sovrano.

Mauro Campobasso e Mauro Manzoni, sono musicisti di jazz, ma anche attenti cultori e appassionati di cinema e scelgono una strada nuova per i loro progetti multimediali: esplorare l’epopea del west e il mondo dei gangster, attraverso un montaggio di sequenze e immagini circostanziate appartenenti alle opere cardine del cineasta Sergio Leone, in diretta connessione con il suo compositore principe, Ennio Morricone. Il desiderio dei due musicisti, è quello di creare un tessuto connettivo, che attraversi l’arte dei due maestri, per fondersi in un nuovo racconto, attraverso un montaggio, una sorta di blob, un’inedita forma narrativa: un luogo per accogliere e suggerire nuove musiche, improvvisazioni, composizioni jazz e contemporanee inedite, in equilibrio dialogico con le musiche originali di Morricone.

L’obbiettivo, diventa raccontare il lirismo del western della frontiera, la poesia e la violenza della New York dei ruggenti anni venti, attraverso uno stile musicale ricco di contrasti, ma collegato alla narrazione visiva, in modo che lo spettatore possa fruirne in maniera sempre differente: in alcuni casi, sarà utilizzata la “banda sonora originale” (dialoghi e musica) mentre sullo schermo compariranno testi scritti, contrappuntati da suggestivi “fermo immagine”.

Il sestetto è formato da Mauro Campobasso (chitarra, live electronics), Mauro Manzoni (sassofoni, flauti, live electronics), Stefano Dallaporta (contrabbasso, basso elettrico),Walter Paoli (batteria, live electronics), Gaia Mattiuzzi eFederica Orlandini (voce).

Anche per questo appuntamento  è  valida la formula “A  Teatro con Mamma e Papà”, riservata ai ragazzi e ragazze fino a 15 anni, con un costo del biglietto di soli 12 euro.

Sconto speciale anche per i giovani fino a 25 anni: 5 euro.

Ultimo appuntamento l’11 marzo con Massimo Ranieri inMalìa.

Ranieri canterà  Napoli come spesso ha fatto, ma stavolta, il gusto avrà il sapore elegante del jazz. Ranieri, cantante melodico per eccellenza   ha chiamato attorno a sé alcuni grandi nomi come il principe dei trombettisti Enrico Rava,  una pianista raffinata come Rita Marcotulli, il sax di Stefano Di Battista, Riccardo Fioravanti al basso e Stefano Bagnoli alla batteria.

Per informazioni e prenotazioni gli interessati possono rivolgersi presso gli uffici della Camerata infotel 080/5211908, sul sito www.cameratamusicalebarese.it e presso il  Box Office c/o La Feltrinelli.


Il  “Trio di Parma” sarà ospite della Camerata Musicale Barese martedì 21 febbraio  al Teatro Showville (ore 20.45).

Il Trio è  composto dal Violinista Ivan Rabaglia, dal Violoncellista Enrico Bronzi  e dal  Pianista Alberto Miodini.

In programma  il “Trio in fa  magg. op. 80” del 1847 di R. Schumann, il “Trio in do magg. op. 87 di Brahms e il “Secondo Trio per violino, violoncello e pianoforte” di Gianluca Cascioli in prima esecuzione alla Camerata.

Il Trio di Parma si è costituito nel 1990 presso il Conservatorio ‘Arrigo Boito’ e successivamente si è perfezionato con il Trio diTrieste presso la Scuola di Musica di Fiesole e l’Accademia Chigiana di Siena. Ha inoltre ottenuto i riconoscimenti più prestigiosi con le affermazioni al Concorso Internazionale ‘Vittorio Gui’ di Firenze, al Concorso Internazionale di Musica da Camera di Melbourne, al Concorso ARD di Monaco e al Concorso Internazionale di Musica da Camera di Lione. Inoltre, l’Associazione Nazionale della Critica Musicale ha assegnato al Trio di Parma il ‘Premio Abbiati’ per il 1994 quale miglior complesso cameristico.

È stato invitato dalle più importanti istituzioni musicali in Italia (Accademia di S. Cecilia di Roma, Società del Quartetto di Milano, Amici della Musica di Firenze, Unione Musicale di Torino, Teatro La Fenice di Venezia, GOG di Genova, Accademia Filarmonica Romana, Orta Festival…) e all’estero (Filarmonica di Berlino, Carnegie Hall e Lincoln Center di New York, Wigmore Hall di Londra, Konzerthaus di Vienna, Filarmonica di S. Pietroburgo, Festival di Lockenhaus, Festival di Lucerna, Teatro Colondi Buenos Aires, Amburgo, Dublino, Varsavia, Los Angeles,Washington, Rio de Janeiro, San Paolo, e molti altri).

Anche per questo appuntamento  è  valida la formula “A  Teatro con Mamma e Papà”, riservata ai ragazzi e ragazze fino a 15 anni, con un costo del biglietto di soli 12 euro.

Sconto speciale anche per i giovani fino a 25 anni: 5 euro.

Per informazioni e prenotazioni gli interessati possono rivolgersi presso gli uffici della Camerata infotel 080/5211908, sul sito www.cameratamusicalebarese.it e presso il  Box Office c/o La Feltrinelli.


Appuntamento il 15 febbraio,  sul palco del Teatro Showville, con  Mirko Signorile, Claudio Filippini e Giovanni Guidi,  impegnati nel  progetto “Tre pianisti per laricostruzione”

Tre pianoforti a coda suonati come fossero un unico strumento da musicisti con sensibilità e background differenti ma dotati da un'intesa perfetta, frutto anche di un'amicizia decennale. Davvero notevole l'interplay generatosi tra i tre pianisti: “Tre cuori che si uniscono e formano un unico suono” dice Claudio Filippini “Suonare in tre è veramente difficile perché il rischio è di suonare troppo tutti. Ma tra me Mirko e Giovanni c'è una stima e un'amicizia che fa sì che la musica esca fuori da sola”.

Un'idea, la loro, nata proprio un anno fa dopo la prima edizione di Jazz italiano perL'Aquila e seguita anche da una raccolta fondi promossa  tramite crowdfunding, grazie alla quale è stato comprato un pianoforte poi donato al Conservatorio dell'Aquila; in questa occasione gli auspici sono quelli di donare un altro pianoforte a coda al territorio recentemente sconvolto dal sisma.

Alla fine del concerto una apposita commissione aprirà l’urna delle donazioni e si provvederà al conteggio alla presenza del pubblico in modo da poter quantificare l’importo raggiunto  che sarà devoluto interamente al progetto.

Inizio del concerto ore 20.45.

Biglietti disponibili  presso gli Uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel. 080/5211908 e sul sito www.cameratamusicalebarese.it  

 


Tre pianoforti a coda suonati contemporaneamente da tre talenti del jazz contemporaneo, come se fossero un unico strumento, il 15 febbraio al Teatro Showville di Bari per il  Festival Jazz “Notti di Stelle” edizione invernale.

E’ l’originale performance che vedrà protagonisti Claudio Filippini, Giovanni Guidi e Mirko Signorile, pianisti già noti nel panorama musicale italiano, reduci dai successi di Umbria Jazz, diversi per background ma uniti da un’amicizia decennale e da un’affinità artistica che consentirà al pubblico di seguirli in un viaggio caleidoscopico dal repertorio classico al contemporaneo, secondo lo stile dell’improvvisazione pura, tipica del genere.

Alla Musica i tre artisti uniscono la Solidarietà, il progetto infatti è pensato anche per sostenere le popolazioni del Centro Italia, martoriate dal recente terremoto e dai pesanti disagi che ne sono seguiti. Obiettivo della serata è infatti l’acquisto e la donazione di un pianoforte a questi territori, un gesto simbolico per testimoniare quanto la ricostruzione debba partire anche dal sostegno alla cultura, motore del cambiamento e del progresso.

Le musiche originali create dai tre musicisti andranno a comporre una vera e propria opera “attuale”, una visione sonora del pianoforte del ventunesimo secolo che vuole essere un sostanziale contributo alla rinascita “culturale” della città.I tre pianisti si esibiranno in una serie di performance che li vedrà impegnati sul palco contemporaneamente, facendo in modo che il loro talento possa trovare la giusta alchimia per toccare le più profonde corde emozionali del loro pubblico.

Gli ultimi due appuntamenti di “Notti Winter” sono il 28 febbraio, sempre a Showville,  con Mauro Campobasso & Mauro Manzoni Sextet in “Duck You, sucker”. A Jazz Homage  To Sergio Leone”,  una esplorazione   dell’epopea del west e il mondo dei gangster  attraverso un montaggio di sequenze e immagini circostanziate appartenenti alle opere cardine di Sergio Leone, in diretta connessione con il suo compositore principe, Ennio Morricone. 

Ultimo appuntamento l’11 marzo conMassimo Ranieri in Malìa al Teatro Petruzzelli.  Ranieri canterà  Napoli come spesso ha fatto, ma stavolta, il gusto avrà il sapore elegante del jazz. Ranieri, cantante melodico per eccellenza   ha chiamato attorno a sé alcuni grandi nomi come il principe dei trombettisti Enrico Rava, una pianista raffinata come Rita Marcotulli, il sax di Stefano Di Battista, Riccardo Fioravanti al basso e Stefano Bagnoli alla batteria.

Biglietti disponibili  presso gli Uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel. 080/5211908 e sul sito www.cameratamusicalebarese.it 

 


Giovedì 9 febbraio al Teatro Palazzo, ore 20.45, appuntamento con Los Romeros,  l’ensemble di chitarre di  formato da Celin, Pepe, Lito e Celino  Romero.

I “Los Romeros” sono definiti la “Famiglia reale della chitarra”,veri e propri idoli nella Penisola Iberica, dove il Re Juan Carlos li ha insigniti dell’ordine di “Isabel la Catolica”, prestigiosa onorificenza spagnola.

Grandi maestri della chitarra si avvicenderanno in un excursus lungo i brani e gli autori che, a partire dai primi del novecento, hanno operato la rinascita musicale di questo straordinario strumento.

I Romeros s i esibiscono,  oltre che in Europa, anche negli Stati Uniti ed in Asia, ove hanno conquistato vere e proprie “standing ovations”.

Anche per questo appuntamento  è  valida la formula “A  Teatro con Mamma e Papà”, riservata ai ragazzi e ragazze fino a 15 anni, con un costo del biglietto di soli 12 euro.

Sconto speciale anche per i giovani fino a 25 anni: 5 euro.

Per questo concerto funzionerà un bus navetta a richiesta per e dal Teatro Petruzzelli. Partenza  ore 20. 

Per informazioni e prenotazioni gli interessati possono rivolgersi presso gli uffici della Camerata infotel 080/5211908, sul sito www.cameratamusicalebarese.it e presso il  Box Office c/o La Feltrinelli.


Appuntamento con la Concertistica della Camerata Musicale Barese giovedì 9 febbraio al Teatro Palazzo con The Royal Family of the Guitar “Los Romeros” , l’ensemble di chitarre di  formato da Celin, Pepe, Lito e Celino  Romero. Inizio ore 20.45. Pepe Romero, nato a Malaga, ma californiano di adozione, è riconosciuto unanimemente come uno dei grandi chitarristi della nostra epoca. Suo padre Celedonio era un ottimo chitarrista, come sua sorella Celin e suo fratello Angel. Insieme diedero vita, nel 1960, a un quartetto di chitarre noto nel mondo intero come Los Romeros. Nel concerto di Bari si esibiranno in quartetto, in brani solistici e in tutte le combinazioni possibili, il programma è dedicato ad autori classici ma soprattutto spagnoli e latino-americani. I Romeros sono estremamente popolari in tutta la penisola iberica e non solo. Si esibiscono,  oltre che in Europa, anche negli Stati Uniti ed in Asia, ove hanno conquistato vere e proprie “standing ovations”.

Sua Altezza Reale il Re Juan Carlos I di Spagna ha insignito Celin, Pepe e Angel dell’ordine di “Isabel la Catolica”, la più significativa  onorificenza spagnola. Joaquin Rodrigo li ha definiti così: “…hanno sviluppato la tecnica della chitarra tramutandola da difficile in facile: sono senza dubbio i grandi Maestri della chitarra!…”

Anche per questo appuntamento  è  valida la formula “A  Teatro con Mamma e Papà”, riservata ai ragazzi e ragazze fino a 15 anni, con un costo del biglietto di soli 12 euro.

Sconto speciale anche per i giovani fino a 25 anni: 5 euro.

Naturalmente anche per questo concerto funzionerà un bus navetta a richiesta per e dal Teatro Petruzzelli. Partenza  ore 20. 

Continuano intanto le prenotazioni per l’ Evento fuori abbonamento di Massimo Ranieri dell’ 11 Marzo  in esclusiva regionale.

Per informazioni e prenotazioni gli interessati possono rivolgersi presso gli uffici della Camerata infotel 080/5211908, sul sito www.cameratamusicalebarese.it e presso il  Box Office c/o La Feltrinelli.


Arriva il prossimo 22 maggio, in esclusiva regionale,  sul palcoscenico del Teatro Petruzzelli "Amore che vieni, amore che vai", un nuovo progetto omaggio a Fabrizio De André dedicato alle donne delle sue canzoni, ma non solo, da parte di un gruppo di musicisti di grande talento e spessore artistico.

Un concerto-spettacolo che è un omaggio dichiarato a Fabrizio De André, non esclusivamente dedicato alle donne, ma che alle donne concede lo spazio che Faber ha sempre riservato tantissimo.

“Amore che vieni amore che vai – Fabrizio De André, le donne e altre storie” porta al Teatro Petruzzelli   sette musicisti   provenienti da diverse esperienze: la voce e la chitarra di Cristina Donà, Rita Marcotulli al pianoforte, Enzo Pietropaoli al contrabbasso, Fabrizio Bosso alla tromba, Javier Girotto al sax, Saverio Lanza alla chitarra elettrica e Cristiano Calcagnile alla batteria e percussioni.

In un angolo della memoria, molti di noi hanno protetto alcune canzoni: vuoi per ricordare l'accendersi veloce di una passione d'amore che si pensava eterna o al contrario la sua incertezza e mutevolezza.

Per ricordare personaggi tanto simbolici quanto teneri o paradossali, romantici o beffardi; ironici, carichi di una allegria che si trasforma in lieve cinismo ma anche portatori d'un etica civile tanto moderna quanto oggi spesso dimenticata.

Molte di queste canzoni e di questi personaggi appartengono alla poetica di Fabrizio De André.

Una poetica colta, curiosa della vita, attenta al mondo e alle sue ingiustizie.

E in questa poetica una parte grande è dedicata alle donne. Tutte. A quelle che volano, che piangono; che amano riamate o che vengono lasciate e diventano storie struggenti... quelle che creano il mondo, lo amano ma vorrebbero cambiarlo per essere felici.

Paul Eluard ha scritto: "ci sono parole che aiutano a vivere e sono parole innocenti” e le parole dedicate da Faber alle donne sono tutte parole innocenti: da Maria a Boccadirosa...

Per questo spettacolo è valida la formula “A Teatro con Mamma e Papà”, riservata ai ragazzi fino a 15 anni.

Presso gli uffici della Camerata proseguono le prenotazioni per il concerto-spettacolo di Massimo Ranieri dell’11 marzo prossimo in esclusiva regionale.

Per informazioni gli interessati possono rivolgersi presso gli uffici della Camerata infotel 080/5211908 e on-line sul sito www.cameratamusicalebarese.it


Sabato 4 febbraio, alle ore 21,  sul  palco del Teatro Petruzzelli risuoneranno  le note appassionate del tango argentino:protagonista Roberto Herrera con la sua Compagnia  nello spettacolo di “El Tango”: immaginate un viaggio ipnotico dove i corpi si fanno leggeri nell’abbraccio universale del tango argentino, percorrendo le strade di Buenos Aires fino alle immensità della Terra del Fuoco: Roberto Herrera, incarnazione della più profonda cultura popolare argentina, rivive il viaggio sul palcoscenico per il pubblico barese.

Vibra, irrompe, innalza in un caleidoscopio di colori. Coreografia e suoni si toccano, maestria di arti e costume, incontrano il pubblico e lo catturano.

Roberto Herrera rappresenta la storia del Tango, sin dai suoi esordi, negli anni ’80.

Considerato un punto di riferimento, coniuga la tradizione e l’innovazione di questa nobile Arte, che trova le sue radici profonde nella cultura di un Paese.

“El Tango” sarà un’occasione per godere delle movenze e della passione sulla scena di un ballerino e coreografo dalle doti universalmente riconosciute.

L’innata eleganza della “Roberto Herrera Tango Company” e l’energia coinvolgente del tango argentino fonderanno in uno spettacolo intenso la storia del Tango partendo dalle origini fino ai nostri giorni attraverso un percorso crescente che approda alle sonorità del tango e confluisce nelle spettacolari danze argentine realizzate da 5 coppie di ballerini, accompagnate dall’ orchestra dal vivo “Lo Que Vendra” e la bella voce di Marili Machado.

Per questo spettacoli è valida la formula “A Teatro con Mamma e Papà”, riservata ai ragazzi fino a 15 anni, oltre ad una promozione dedicata a tutti gli allievi delle scuole di danza a cui verranno riservate speciali agevolazioni.

Presso gli uffici della Camerata si possono ritirare tutte le prenotazioni effettuate, anche on-line, per gli spettacoli  programmati nei  mesi di gennaio e febbraio 2017.

Per informazioni e biglietti gli interessati possono rivolgersi presso gli uffici della Camerata infotel 080/5211908,  on-line sul sito www.cameratamusicalebarese.it e presso il Box Office c/o La Feltrinelli.


Il 25 marzo prossimo alle ore 21 al Teatroteam  la Camerata Musicale Barese   porterà in scena uno dei classici del teatro musicale: “La Principessa Sissi”, un musical liberamente ispirato all’omonimo film di Ernst Marischka, adattamento di Corrado Abbati, elaborazione musicale di Alessandro Nidi, una nuova produzione in esclusiva nazionale.

La vicenda di Elisabetta detta Sissi che a soli sedici anni va in sposa all’Imperatore d’Austria Francesco Giuseppe, ha tutti i caratteri della favola a lieto fine, pur essendo un fatto storico documentato. Sissi è diventata uno dei personaggi ancora oggi più famosi ed amati; attorno alla sua figura è nata una leggenda romantica che si è concretizzata in un grande seguito popolare. A rinverdire il fascino di Sissi torna in teatro la sua storia, quella stessa che ha ispirato i celebri film interpretati da Romy Schneider. Il nuovo spettacolo teatrale torna sullo stesso soggetto attualizzandone l’immagine, i ritmi della sceneggiatura, ma non il contenuto. Del resto, l’ambientazione, lo sfarzo, gli amori e gli intrighi della vicenda, diventano sede  ideale per un moderno spettacolo dove grandi quadri d’insieme, balli di corte e atmosfere da "Capodanno a Vienna" si svolgono davanti a noi come una pellicola ricca di musica, di danza, di buonumore, che va ben oltre il sapore edulcorato della fiaba. Ne esce infatti una grande e fastosa rappresentazione della società imperiale grazie anche alla nuova messa in scena che è frutto di un notevole sforzo produttivo. D’altra parte lo sfarzo dei costumi, l’eleganza delle scene e la cura dei particolari è sempre stata una nota distintiva della Compagnia diretta da Corrado Abbati.

Sissi è ancora oggi uno spettacolo in cui storia, mito e sentimento si fondono in un unico e grande affresco adatto a un pubblico di ogni età perché tutti, ancora oggi, vogliamo sognare, divertirci e commuoverci

La Compagnia Corrado Abbati, composta da un cast di ballerini-cantanti-attori di provato “mestiere” costituisce il risultato di una produzione esclusiva e per lo più inedita confezionato a regola per il  vasto pubblico, anche per coloro che non conoscono la trama di questa commedia musicale.

Per lo spettacolo   sarà valida, come sempre,  la formula “A  Teatro con Mamma e Papà”, riservata ai ragazzi e ragazze fino a 16 anni.

Per informazioni e prenotazioni gli interessati possono rivolgersi presso gli uffici della Camerata infotel 080/5211908  e on-line sul sito www.cameratamusicalebarese.it


Secondo “Evento Straordinario”  della 75ª Stagione “Gold” della Camerata Musicale Barese:  Massimo Ranieri  l’11 marzo  prossimo al Teatro Petruzzelli presenterà lo spettacolo “Malìa” in esclusiva regionale.

Il termine Malìa che significa magia, incantesimo, fascino, seduzione  è presente nel testo di Te Voglio Bene Tanto Tanto uno dei brani più noti del celebre cantante.

Nel progetto, che ha inaugurato nel luglio scorso Umbria Jazz,  Massimo Ranieri ha coinvolto cinque grandi musicisti jazz: Enrico Rava (tromba e flicorno), Stefano Di Battista (sax alto e sax soprano), Rita Marcotulli(pianoforte), Riccardo Fioravanti (contrabbasso) e Stefano Bagnoli(batteria).

Malìa” è un viaggio verso un incantesimo, una sorprendente avventura musicale in un tempo magico delle canzoni napoletane, quando, tra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio dei Sessanta, quelle melodie già universali si riempirono improvvisamente di estate e di erotismo, di notti e di lune. E si vestirono di un fascino elegante e internazionale per merito dei tanti interpreti di quelle melodie. È l’inconfondibile Napoli “Caprese”, che diventò in un baleno attraente, seducente, prestigiosa e sexy come una stella del cinema. Una Napoli che cantava e incantava. E che è diventata una immortaleMalìa, come suggerisce una parola nascosta tra i testi delle canzoni.

Sotto ad ogni nota dei  brani proposti, nati e vissuti nell’intimità dei night e dei piano bar, brillano e ammiccano la formidabile fantasia e l’incontenibile libertà della musica Americana di quegli anni. E forse allora proprio dal jazz bisognava passare, per cancellare qualunque rischio nostalgico e restituire alle melodie tutta la straordinaria energia originaria. Cantate e suonate così, quelle canzoni sono ancora giovani e emozionanti.

Come un’indimenticabile serata d’amore.  Al Teatro Petruzzelli verranno proposti  brani indimenticabili tra cui Luna caprese, ‘O sarracino,Anema e core, Resta cu’mme, Tu vo’ fa l’americano e Doce doce.

Prenotazioni presso  gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 oltre che sul sito internet www.cameratamusicalebarese.it