Comunicati

Martedì 28 settembre  alle ore 21 ultimo appuntamento della rassegna della Camerata Musicale Barese “Notti in Jazz,” patrocinata dal Mic, nell’ambito di un progetto mirato alla diffusione della musica jazzistica italiana.

Sul palcoscenico del Palazzo delle Arti “Beltrani” di Trani, Roberto Ottaviano e il suo nuovo lavoro, creato proprio per l’occasione su progetto della Camerata Musicale Barese: Nel “Circo Immaginario” di Nino Rota e Carla Bley.

Insieme a Roberto Ottaviano suoneranno: Guido Di Leone (chitarra), Nicola Cozzella (sax), Giuseppe Todisco (tromba e flicorno), Alberto Di Leone (tromba), Antonio Fallacara (trombone), Saverio D’Errico (tuba), Gianpaolo Laurentaci (contrabbasso), Pippo D’Ambrosio (batteria), Rocco Chiumarulo (cantante e voce narrante) e Nicola Amato (videoproiezioni). 

L’idea del Circo ha da sempre accomunato la storia musicale di questi due artisti, che sebbene apparentemente lontani, sono legati in parte dalla grande ammirazione della pianista e compositrice di Oakland nei confronti del compositore Milanese, al costante riferimento agli umori grotteschi e sempre in bilico tra il colto ed il popolare nella scrittura di Rota, che quest’anno segna i 110 anni dalla nascita, e da parte di quest’ultimo da un “mai sopito” sguardo verso le Musiche più diverse e gli strumenti per metterle insieme, proprio come nella cifra stilistica dell’autrice americana.

Insieme hanno scelto una narrazione in cui il reale, il fantastico, l’onirico convergono e paiono essere tutt’uno con quel “Circo” che è la vita, di cui sembriamo noi stessi i clown, goffi o disinvolti, allegri o disperati. E zampilla d’irriverente ironia, la danza, trascolorata dalla sensualità al dramma all’elegia, che ricompone e ricrea scenari e atmosfere, figure e trame di intramontate favole Felliniane.

Per informazioni per gli ultimi biglietti disponibili rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel 080/5211908, sui social dell’Associazione e sul sito www.cameratamusicalebarese.it.


“Un Invito alla Danza” lunedì 27 settembre al Teatro Showville per la Camerata Musicale Barese a cura del Pianista Giuseppe Albanese.

Inizio ore 20.45

Albanese presenterà un excursus tra le più significative melodie composte appositamente da grandi compositori dell’Otto-Novecento per balletti diventati capolavori del genere.

Alcuni brani, originariamente per orchestra, sono stati trascritti per pianoforte con spettacolari elaborazioni particolarmente virtuosistiche.

Dall’uscita del suo primo album Fantasia – con musiche di Beethoven, Schubert e Schumann (Deutsche Grammophon, 2014) – Giuseppe Albanese diventa in breve tempo tra i pianisti più richiesti della sua generazione.

Nel 2015, ancora su etichetta DG, incide Après une lecture de Liszt: un disco interamente dedicato al compositore ungherese. Invito alla danza (2020) è il suo ultimo lavoro e costituisce un affascinante excursus tra celebri pezzi di musica per balletto (Tchaikovsky, Debussy, Stravinsky) trascritti per pianoforte solo grazie ad un’infinità di virtuosismi e idealmente racchiusi tra l’Invito alla danza di Carl Maria von Weber (1819) e La valse di Ravel (1919).

Ha collaborato con direttori del calibro di Daniel Oren, Jeffrey Tate, Jonathan Webb, Lawrence Foster, Will Humburg, Dmitri Jurowski ecc.

Per informazioni e/o prenotazioni rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano141, infotel 080/5211908 o sul sito internet www.cameratamusicalebarese.it.


Lunedì 27 settembre alle ore 20.45 al Teatro Showville, per la 79ª Stagione 2020/2021 della Camerata, il Pianista Giuseppe Albanese proporrà il suo personalissimo “Invito alla Danza” con un programma musicale di tutto rispetto: “Invito alla Danza” un “excursus” tra le più significative melodie composte appositamente da grandi compositori dell’Otto-Novecento per balletti diventati capolavori del genere.

Alcuni brani, originariamente per orchestra, sono stati trascritti per pianoforte con spettacolari elaborazioni particolarmente virtuosistiche.

In programma, tra l’altro, il Valzer da “Coppelia” (trascr. di

E. von Dohnányi) di Delibes, La Suite da “Lo schiaccianoci” (trascr. di M. Pletnëv) di ?ajkovskij, La Suite da “L’uccello di fuoco” (trascr. di

G. Agosti) di Stravinskij, Le Prélude à “l’Après-midi d’un faune” (trascr. di L. Borwick) di Debussy e La Valse di Ravel.

Albanese debutta nel 2014 su etichetta DG con un concept album dal titolo “Fantasia”, con musiche di Beethoven, Schubert e Schumann. Segue nel 2015 il suo secondo album DG “Après une lecture de Liszt”, interamente dedicato al compositore ungherese.

Nel marzo 2016 Decca Classics inserisce nel box con l’opera omnia di Bartók in 32 cd la sua registrazione (in prima mondiale) del brano “Valtozatok” (Variazioni). Di recentissima pubblicazione, i Concerti n. 1, n.2 e “Malédiction” di Liszt per Universal Music.

 

 

 

Albanese vince nel 2003 il primo premio al “Vendome Prize” (presidente di giuria Sir Jeffrey Tate) con finali a Londra e Lisbona: un evento definito da Le Figaro “il Concorso più prestigioso del mondo attuale”.

Albanese è laureato in Filosofia col massimo dei voti e la lode (con dignità di stampa della tesi sull’Estetica di Liszt nelle “Années de Pèlerinage”) ed

a soli 25 anni è stato docente di “Metodologia della comunicazione musicale” presso l’Università di Messina. Insegna attualmente Pianoforte al Conservatorio “Tartini” di Trieste.

La Camerata, per il concerto di Giuseppe Albanese, ha inteso mettere in vendita un numero limitato di ingressi a costo ridotto: poltrone al costo di 20 euro fino a domenica 26 settembre p.v.

Inoltre a grande richiesta, per celebrare con tutto il pubblico la prossima stagione degli 80 anni con la grande Musica, Danza e Teatro Musicale, offre un numero limitato di abbonamenti a prezzi di particolare promozione.

Per informazioni e/o prenotazioni rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano141, infotel 080/5211908 o sul sito internet www.cameratamusicalebarese.it.


“Un Invito alla Danza” lunedì 27 settembre al Teatro Showville per la Camerata Musicale Barese a cura del PianistaGiuseppe Albanese.

Inizio ore 20.45

Albanese presenterà un excursus tra le più significative melodie composte appositamente da grandi compositori dell’Otto-Novecento per balletti diventati capolavori del genere. Alcuni brani, originariamente per orchestra, sono stati trascritti per pianoforte con spettacolari elaborazioni particolarmente virtuosistiche.

Dall’uscita del suo primo album Fantasia – con musiche di Beethoven, Schubert e Schumann (Deutsche Grammophon, 2014) – Giuseppe Albanese diventa in breve tempo tra i pianisti più richiesti della sua generazione.

Nel 2015, ancora su etichetta DG, incide Après une lecture de Liszt: un disco interamente dedicato al compositore ungherese.

Invito alla danza (2020) è il suo ultimo lavoro e costituisce un affascinante excursus tra celebri pezzi di musica per balletto (Tchaikovsky, Debussy, Stravinsky) trascritti per pianoforte solo grazie ad un’infinità di virtuosismi e idealmente racchiusi tra l’Invito alla danza di Carl Maria von Weber (1819) e La valse di Ravel (1919).

Albanese è stato invitato per recital e concerti con orchestra da autorevoli enti internazionali tra i quali ricordiamo il Metropolitan Museum, la

 

Rockefeller University e la Steinway Hall di New York, la Konzerthaus di Berlino, il Mozarteum di Salisburgo, la St Martin-in-the-Fields e la

Steinway Hall di Londra, la Salle Cortot di Parigi, la Filarmonica di San Pietroburgo ecc.

Ha collaborato con direttori del calibro di Daniel Oren, Jeffrey Tate, Jonathan Webb, Lawrence Foster, Will Humburg, Dmitri Jurowski ecc.

Per informazioni e/o prenotazioni rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano141, infotel 080/5211908 o sul sito internet www.cameratamusicalebarese.it.


Venerdì 24 settembre  la rassegna “Notti in Jazz” della Camerata Musicale Barese prosegue presso la  Masseria Montepaolo di Conversano, dimora di charme.

Ottaviano presenterà il progetto Nel “Circo Immaginario” di Nino Rota e Carla Bley.

L’idea del Circo ha da sempre accomunato la storia musicale di questi due artisti, che sebbene apparentemente lontani sono legati in parte dalla grande ammirazione della pianista e compositrice di Oakland nei confronti del compositore Milanese, al costante riferimento agli umori grotteschi e sempre in bilico tra il colto ed il popolare nella scrittura di Rota, che quest’anno segna i 110 anni dalla nascita, e da parte di quest’ultimo da un mai sopito sguardo verso le musiche più diverse e gli strumenti per metterle insieme, proprio come nella cifra stilistica dell’autrice americana.

Un Omaggio di Ottaviano, responsabile del Dipartimento di Musica Jazz del Conservatorio di Bari al compositore milanese, essendone Rota stato a lungo direttore.

E’ un richiamo al mondo artistico della pianista e compositrice di Oakland Carla Bley,   attraverso la riproposizione di uno stile, quello caleidoscopico che riunisce musica e racconto per immagini, percorso ampiamente dai due artisti.

Pur appartenendo a mondi diversi e apparentemente distanti, erano infatti legati tra di loro da un filo sottile di reciproca stima e ammirazione

Inizio del concerto ore 20.45.

Dopo il  concerto sarà anche possibile cenare sotto le stelle e per tale proposta le  prenotazioni vanno indirizzate direttamente al recapito della Masseria tel. 375/5322717.

Per informazioni rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel 080/5211908, sui social dell’Associazione e sul sito www.cameratamusicalebarese.it.


La Camerata Musicale Barese, a grande richiesta, per celebrare con tutto il pubblico la stagione degli 80 anni con la grande Musica, Danza e Teatro Musicale,  offre un numero limitato di abbonamenti a prezzi particolarmente ridotti.

Il Cartellone della 80ª  Stagione sarà degno delle tradizioni e dei grandi Eventi che hanno finora accompagnato la vicenda artistica, culturale e civica della Camerata nei suoi 79 anni di vita. 

Due inaugurazioni per festeggiare: l’Orchestra di Kiev che proporrà  brani celeberrimi e amatissimi del Novecento musicale tra cui George Gerhswin,  poi il grande Violinista Uto Ughi in duo con  il grande Pianista Bruno Canino.

Un ruolo importante lo avrà la tradizione musicale classica, partendo da Mozart e Beethoven, interpretati dal grande Gerhard Oppitz, che tornerà dopo trentacinque anni dal suo memorabile recital pianistico a Bari come vincitore dell’“Arthur Rubinstein International Piano Master Competition”. Non mancheranno pianisti italiani di particolare eccellenza come Andrea Padova e Gloria Campaner.

Ma  non solo musica classica:  il Trio formato da Danilo Rea, Massimo Moriconi e Alfredo Golino in un tributo alla grande Mina, Peppe Barraci presenterà la sua Napoli, dalle canzoni dell’Ottocento a Pino Daniele e la giovane attrice Violante Placido si misurerà in un reading  di particolare effetto spettacolare.

Il TeatroDanza Mediterraneo proporrà  un  balletto di tradizione “Il Lago dei Cigni”  e uno spettacolo moderno  con il  Kataklò Athletic Theatre.

E tanti altri … grandi Artisti per una stagione speciale…

Proseguono intanto gli appuntamenti della 79ª Stagione rimandati a causa della pandemia: lunedì 27 settembre al Teatro  Showville   “Un Invito alla Danza” a cura del Pianista Giuseppe Albanese. Inizio ore 20.45

Albanese presenterà un excursus tra le più significative melodie composte appositamente da grandi compositori dell’Otto-Novecento per balletti diventati capolavori del genere. Alcuni brani, originariamente per orchestra, sono stati trascritti per pianoforte con spettacolari elaborazioni particolarmente virtuosistiche.

Informazioni e prenotazioni  presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel 080/5211908 e sul sito www.cameratamusicalebarese.it. 


Seconda serata della Rassegna “Notti in Jazz”, il nuovo logo che si affianca alle celebri “Notti di Stelle” nell’ambito di un progetto mirato alla diffusione della Musica Jazzistica italiana.

L’iniziativa è stata promossa dal Ministero della Cultura che ha inteso rinnovare la fiducia  e la stima per la Camerata, per la seconda volta,  alla viglia degli 80 Anni dell’Associazione.

Appuntamento domani a Palazzo Pesce di Mola di Bari con il progetto curato dal M° Roberto Ottavianoe  dedicato al “Circo Immaginario” di Nino Rota e Carla Bley.

L’idea del Circo ha da sempre accomunato la storia musicale di questi due artisti, che sebbene apparentemente lontani, sono legati in parte dalla grande ammirazione della pianista e compositrice di Oakland nei confronti del compositore Milanese, al costante riferimento agli umori grotteschi e sempre in bilico tra il colto ed il popolare nella scrittura di Rota, che quest’anno segna i 110 anni dalla nascita, e da parte di quest’ultimo da un “mai sopito” sguardo verso le Musiche più diverse e gli strumenti per metterle insieme, proprio come nella cifra stilistica dell’autrice americana.

Insieme hanno scelto una narrazione in cui il reale, il fantastico, l’onirico convergono e paiono essere tutt’uno con quel “Circo” che è la vita, di cui sembriamo noi stessi i clown, goffi o disinvolti, allegri o disperati. E zampilla d’irriverente ironia, la danza, trascolorata dalla sensualità al dramma all’elegia, che ricompone e ricrea scenari e atmosfere, figure e trame di intramontate favole Felliniane.

Insieme a Roberto Ottaviano suoneranno: Guido Di Leone (chitarra), Nicola Cozzella (sax), Giuseppe Todisco (tromba e flicorno), Alberto Di Leone (tromba), Antonio Fallacara (trombone), Saverio D’Errico (tuba), Gianpaolo Laurentaci (contrabbasso), Pippo D’Ambrosio (batteria), Rocco Chiumarulo (cantante e voce narrante) e Nicola Amato (videoproiezioni).  

Prossimi appuntamenti il 24 settembre  alla Masseria Montepaolo (Conversano dove sarà anche possibile cenare) e il 28 settembre a Palazzo delle Arti Beltrani (Trani).

Presso gli uffici dell’Associazione prosegue la campagna abbonamenti per la prossima Stagione e per  celebrare con tutto il pubblico la Stagione degli 80 Anni con la Grande Musica, Danza e Teatro Musicale  la Camerata Musicale Barese offre un numero limitato di abbonamenti a prezzi particolarmente ridotti.

Per informazioni  e prenotazioni rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel 080/5211908, sui social dell’Associazione e sul sito www.cameratamusicalebarese.it.


Per il “TeatroMusicale” della 79ª Stagione della Camerata Musicale Barese, lunedì 20 settembre   sul palcoscenico del Teatro Showville   sarà di scena Laura Morante accompagnata dal Trio Lumière in “Memorie – Omaggio ad Astor Piazzolla”.

Con lei ci saranno Marco Fabbri al bandoneòn, Massimo Repellini al violoncello e Stefano Giavazzi al pianoforte.

Laura Morante, grande interprete del teatro italiano, ci condurrà nell’universo più intimo di

Astor Piazzolla, uno dei compositori contemporanei più eseguiti al mondo, tra i padri del tango argentino.

Lo spettacolo prevede la lettura anche di alcuni brani del libro “A manera de memorias” di

Natalio Gorin, volume - intervista dove il Piazzolla uomo svela il Piazzolla artista, ripercorrendo gran parte della storia musicale argentina ed internazionale del ‘900.

Il personaggio che lo incarna è un angelo, a cui Astor ha dedicato una intera suite. La vita di questo genio s’inserisce in una partitura musicale, come se fosse un canto melodico, a volte in assolo o all’unisono con gli altri strumenti, a volte contrappuntato o inseguito dalle sue stesse melodie o dalle note di altri compositori con cui Piazzolla ha collaborato durante la sua carriera.

“Memorie”è una macchina del tempo che permette al pubblico di conoscere anche il lato umano dell’uomo, le sue paure le gioie le ambizioni i sogni… da quando era “pibe” a pochi giorni prima della grave malattia. Astor Piazzolla nacque a Mar del Plata l'11 marzo 1921 e morì a Buenos Aires il 4 luglio 1992.

Laura Morante cresce in una famiglia dove la cultura e l'arte sono di casa; il padre, infatti, è lo

scrittore e giornalista Marcello Morante, fratello minore di Elsa. Debutta giovanissima in Teatro con

Carmelo Bene. Nel 1980 arriva l'esordio al cinema con Giuseppe Bertolucci. Lavora successivamente

con Bernardo Bertolucci, Nanni Moretti, Gianni Amelio, Mario Monicelli, e con i registi francesi

Bruno Gantillon, Alain Tanner, Alain Klarer, Pascal Kane, Pierre Granier Deferre, Bruno Herbulot.

Continua a lavorare anche in Italia, diretta da Amelio, Gabriele Salvatores, Paolo Virzì,

Cristina Comenici. Nel 1999 vince il Globo d'oro (“L'anniversario”) e nel 2001 un David di Donatello e un Ciak d'oro (“La stanza del figlio”). Collabora con i registi internazionali Mike Figgis, John Malkovich, Alain Resnais e Laurent Tirard. In Italia, è diretta da Michele Placido, Gabriele Muccino, Carlo Verdone (aggiudicandosi il Nastro d’argento nel 2004), Sergio Castellitto, Pupi Avati, Roberto Andò, Edoardo Falcone, Emanuele Scaringi, Francesco Prisco, Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre, Luca Vendruscolo.

La Morante sperimenta anche la regia, con Ciliegine (2012, Globo come Miglior rivelazione), e Assolo (2016). Nel 2018 ha pubblicato il suo primo libro “Brividi immorali. Racconti e interludi”. Nel 2019 prende parte al film di Daniele Luchetti “Lacci”. Ha recentemente terminato le riprese della serie di Gabriele Muccino “A Casa Tutti Bene”, tratta dall’omonimo film del regista.

Informazioni sull’evento e biglietti presso gli uffici della Camerata Barese presso cui prosegue la campagna abbonamenti per la prossima Stagione, la 80ª, che si preannuncia densa di spettacolari Eventi. Sono disponibili ultime disponibilità di abbonamenti in promozione per la Stagione del particolare anniversario.

Informazioni presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel 080/5211908 e sul sito www.cameratamusicalebarese.it


Terzo Appuntamento con il “TeatroMusicale” della 79ª Stagione della Camerata Musicale Barese lunedì 20 settembre al Teatro Showville con Laura Morante accompagnata dal Trio Lumière in “Memorie – Omaggio ad Astor Piazzolla” - drammaturgia di Marco Fabbri liberamente tratta dal libro “A manera de memorias” di Natalio Gorin.

Musa di Nanni Moretti e Alain Resnais, Laura Morante presenta uno spettacolo coinvolgente a ritmo di musica, come in un rito catartico.

La Musica è quella di Astor Piazzolla di cui, nel centenario dalla nascita, “Memorie” ripercorre, come una macchina del tempo, la storia (dell’artista ma anche di gran parte della musica del ‘900).

Attrice di sofisticata sensibilità, la Morante declina con sapienza la drammaturgia di Marco Fabbri, accompagnata dal travolgente ritmo dei brani eseguiti dal vivo da Trio Lumière: Marco Fabbri (bandoneon), Massimo Repellini (violoncello) e Stefano Giavazzi (pianoforte).

Astor Piazzolla è stato un rivoluzionario, e come tutti i rivoluzionari ha combattuto per la sua causa.

La vita di questo genio viene inserita in una partitura musicale, come se fosse un canto melodico, a volte in assolo o all'unisono con altri strumenti dell'ensemble, a volte contrappuntato o inseguito dalle sue stesse melodie o dalle note di altri compositori con cui Astor ha collaborato durante la sua carriera artistica.

Memorie è come una macchina del tempo che permette al pubblico, che già apprezza le opere di Piazzolla, di conoscere anche il lato umano dell'uomo, le sue paure le gioie le ambizioni i sogni...da quando era “pibe” a pochi giorni prima della grave malattia.

Inizio dello spettacolo ore 21.

Informazioni sull’evento e biglietti presso gli uffici della Camerata Barese presso cui prosegue la campagna abbonamenti per la prossima Stagione, la 80ª, che si preannuncia densa di spettacolari Eventi. E’ ancora possibile usufruire delle ultime disponibilità di abbonamenti in promozione per la Stagione del particolare anniversario.

Informazioni presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel 080/5211908 e sul sito www.cameratamusicalebarese.it.  


Terzo Appuntamento con il “TeatroMusicale”, dopo gli  spettacoli con Michele Mirabella e Tullio Solenghi, della 79ª Stagione “Fascinosa” della Camerata Musicale Barese, lunedì 20 settembre al Teatro Showville  con Laura Morante accompagnata dal Trio Lumière in “Memorie – Omaggio ad Astor Piazzolla” - drammaturgia di Marco Fabbri liberamente tratta dal libro “A manera de memorias” di Natalio Gorin

Musa di Nanni Moretti e Alain Resnais, Laura Morante presenta  uno spettacolo coinvolgente a ritmo di musica, come in un rito catartico.

La Musica è quella di Astor Piazzolla di cui, nel centenario dalla nascita, “Memorie” ripercorre, come una macchina del tempo, la storia (dell’artista ma anche di gran parte della musica del ‘900).

Attrice di sofisticata sensibilità, la Morante declina con sapienza la drammaturgia di Marco Fabbri, accompagnata dal travolgente ritmo dei brani eseguiti dal vivo da Trio Lumière: Marco Fabbri (bandoneon), Massimo Repellini (violoncello) e Stefano Giavazzi (pianoforte).

Astor Piazzolla è stato un rivoluzionario, e come tutti i rivoluzionari ha combattuto per la sua causa.

“...debbo dire la verità più assoluta. Potrei raccontare una storia di angeli ma non sarebbe la vera storia. La mia è di diavoli, mescolata con angeli e con un po' di meschinità: bisogna avere un po' di tutto per andare avanti nella vita...”.

Queste parole di Piazzolla sono tratte dal libro “A manera de memorias”. In questo libro-intervista il Piazzolla uomo svela il Piazzolla artista. Le sue parole, i suoi aneddoti, la sua vita ripercorrono gran parte della storia musicale argentina ed internazionale del '900. Egli si dà con sincerità, raccontando in prima persona, come se stesse suonando il suo bandoneon.

Il personaggio che incarna Piazzolla e dà voce alle sue parole è un angelo. Quell'angelo a cui Astor ha dedicato una intera suite. La vita di questo genio viene inserita in una partitura musicale, come se fosse un canto melodico, a volte in assolo o all'unisono con altri strumenti dell'ensemble, a volte contrappuntato o inseguito dalle sue stesse melodie o dalle note di altri compositori con cui Astor ha collaborato durante la sua carriera artistica. Memorie è come una macchina del tempo che permette al pubblico, che già apprezza le opere di Piazzolla, di conoscere anche il lato umano dell'uomo, le sue paure le gioie le ambizioni i sogni...da quando era “pibe” a pochi giorni prima della grave malattia.

Astor Piazzolla nacque a Mar del Plata l'11 marzo 1921 e morì a Buenos Aires il 4 luglio 1992.

Inizio dello spettacolo ore 21.

Presso gli uffici della Camerata prosegue, senza tregua, la campagna abbonamenti per la prossima Stagione, la 80ª, che si preannuncia densa di spettacolari Eventi, ultime disponibilità di abbonamenti in promozione per la Stagione del particolare anniversario.

Informazioni presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel 080/5211908 e sul sito www.cameratamusicalebarese.it