Sala stampa

Sarà un’autentica leggenda vivente, il violinista Uto Ughi ad inaugurare domani 7 novembre al Teatro Petruzzelli il Cartellone della 78ª Stagione “Armoniosa” della Camerata Musicale Barese.

Uto Ughi sarà accompagnato al pianoforte da Michail Lifits, un pianista di primo piano, vincitore nel 2009 del “Ferruccio Busoni” di Bolzano, uno dei più selettivi e prestigiosi concorsi pianistici in campo internazionale.

Il concerto sarà dedicato alla memoria di Nicola Sbisà, indimenticabile amico della “Musica e della Camerata”, che per oltre 60 anni fu il fedele testimone di tutta la vita artistica e culturale della Puglia intera.

Non è certamente necessario tessere ancora una volta le lodi di Uto Ughi, uno dei massimi esponenti della tradizione violinistica italiana e dei più grandi violinisti in assoluto dei nostri tempi. Quando era appena dodicenne, la critica già scriveva di lui: “Uto Ughi deve considerarsi un concertista artisticamente e tecnicamente maturo”. Ha suonato in tutto il mondo, nei principali festival, con le più rinomate orchestre sinfoniche, sotto la direzione dei più importanti direttori d’orchestra. Ha inciso le più importanti opere del repertorio violinistico e pubblicato il libro “Quel Diavolo di un Trillo – Note della mia vita”.

Suona un Guarneri del Gesù del 1744 dal suono caldo e dal timbro scuro, forse uno dei più bei “Guarneri” esistenti, ed uno Stradivari del 1701 denominato “Kreutzer” perché appartenuto all’omonimo violinista a cui Beethoven aveva dedicato la famosa Sonata.

Nato nel 1982 a Tashkent (Uzbekistan) e trasferitosi in Germania all’età di 16 anni, Michail Lifits svolge una notevolissima carriera da solista nelle più importanti sale da concerto d’Europa e d’America ed è anche un appassionato e ricercato musicista da camera. Incide in esclusiva per Decca ed è attualmente impegnato nell’incisione integrale della musica per pianoforte di Schubert.

Inizio del concerto ore 21.

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel 080/5211908, on-line sul sito www.cameratamusicalebarese.it, presso il Botteghino del Teatro Petruzzelli e il Box Office della Feltrinelli.

***********

Con cortese sollecita pubblicazione e/o trasmissione. Grazie.


Giovedì 7 Novembre, al Teatro Petruzzelli, la 78ª Stagione “Armoniosa” della Camerata Musicale Barese sarà inaugurata dal violino del grande Violinista milanese Uto Ughi.

Il concerto sarà dedicato alla memoria di Nicola Sbisà, indimenticabile amico della Musica e della Camerata, storico critico musicale de “La Gazzetta”.

Da molto tempo Uto Ughi è considerato uno dei massimi esponenti della tradizione violinistica italiana e tra i più grandi violinisti in assoluto dei nostri giorni.

Per questo importante appuntamento con la città di Bari e con gli amici storici della “Camerata” Ughi si avvarrà della collaborazione di Michail Lifits un pianista di primo piano non un semplice accompagnatore.

Nato nel 1982 a Tashkent, in Uzbekistan, sin da giovane. ha catturato l’attenzione del pubblico, presentando all’età di tredici anni il Concerto n. 2 di Rachmaninov.

Ha studiato con Karl-Heinz Kammerling e Bernd Goetzke presso la University for Music and Drama di Hannover e con Boris Petrushansky all’Accademia di Imola.

Vincitore del Concorso Busoni nel 2009 ha iniziato una brillante carriera che l’ha portato nelle principali sale del mondo tra le quali Weill Recital Hall-Carnegie Hall e Lincoln Center di New York, Wigmore Hall di Londra, Auditorium du Louvre di Parigi, Tonhalle di Zurigo, NCPA di Pechino, Herkulessaal di Monaco, Sala Verdi di Milano.

Lifits ha pubblicato un disco per EMI insieme a Vilde Frang, che ha ricevuto la nomination ai Gramophone Award, il premio “Diapason d’Or” e l’Echo Klassik Award; dal 2011 è artista esclusivo Decca/Universal, con cui ha pubblicato il suo primo disco dedicato a Mozart che è stato nominato Recording of the Month dal MusicWeb International.

Il celebre Violinista, accompagnato da Michail Lifits eseguirà la Ciaccona di Tomaso Vitali,

La Sonata op. 47 Kreutzer di Beerthoven, la Suite popolare spagnola di M. de Falla, l’Introduzione e Rondò Capriccioso di Saint – Saens e per finire Le Tzigane di Ravel.

Per il Concerto inaugurale la Camerata, in accordo con l’assessorato alle Culture del Comune di Bari, propone particolari agevolazioni per prenotazioni anche on-line.

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi presso gli Uffici della Camerata in Via Sparano 141 infotel 080/5211908, on-line sul sito www.cameratamusicalebarese.it, presso il Botteghino del Teatro Petruzzelli e il Box Office della Feltrinelli.

 

***********************

 

Con cortese sollecita pubblicazione e/o trasmissione. Grazie.


Lunedì 25 novembre al Teatro Petruzzelli primo appuntamento della Rassegna “TeatroDanza Mediterraneo” della Camerata Musicale Barese, con la RBR Dance Company che presenterà  lo spettacolo “Indaco e gli illusionisti della Danza”.

Danza, Tecnica, Innovazione: la nuova sfida coreutica e concettuale di RBR Dance Company sul rapporto uomo-natura.

Danzatori che appaiono e scompaiono in un’atmosfera rarefatta, si moltiplicano in magiche illusioni ottiche, un sorprendente spettacolo di  forte attività sul rapporto tra uomo e natura; è uno spettacolo di forte attualità che parla di ambiente, di rispetto per il pianeta e della cura di esso in quanto anima del mondo.

Centrale è il rapporto uomo-natura, la ricerca delle proprie origini, il bisogno di autenticità, in un continuum di istantanee e coreografie emozionali. Tematiche inserite in un percorso di ricerca che pongono l’uomo e la donna di fronte alla natura, madre e nel contempo avversaria, in una dimensione esistenziale meravigliosa ed inesauribile. In questa spettacolare produzione la regia moltiplica intenzioni e punti di vista, resi a tratti infiniti dalle scelte scenografiche e registiche. Un concentrato di ingegno e creatività scenica, lo spettacolo trascina lo spettatore in un vortice di sensazioni senza fine.

La Compagnia  porta in scena un allestimento che coniuga danza e tecnica alla ricerca della massima innovazione nel supporto di speciali effetti video. Proiezioni su originali fondali, mutazioni sceniche inattese, giochi di luci e soluzioni registiche altamente tecnologiche sono solo alcune delle sorprese di questo spettacolo. Il risultato scenico e visivo che ne deriva è sorprendente: i danzatori si  alternano sul palcoscenico apparendo e scomparendo, moltiplicandosi magicamente grazie ad uno studio accurato di luci e proiezioni che incanta il pubblico piacevolmente proiettato in un’atmosfera rarefatta dalle magiche illusioni ottiche. Il tutto al servizio di temi universali e coinvolgenti.

Il testo è  tratto ed ispirato dall’opera di Carl Sagan “Pale Blue Dot: A Vision of the Human Future in Space” con la regia di  Cristian o Fagioli e  Gianluca Giangi Magnoni, coreografie  di Cristiano Fagioli, Alessandra Odoardi, Ylenia Mendolicchio, musiche di Virginio Zoccatelli, Diego Todesco, video Scenery Design  e Computer   Animation Gianluca Magnoni, Diego Rossi, Alessandro  Ottenio e costumi di Donatella Bressan.

Gli altri appuntamenti della rassegna sono fissati per il 19 dicembre con il Balletto Accademico StataleRusso “E. Popov, il 16 gennaio un grande classico del Russian Classical Ballet ne “Lo Schiaccianoci”, a febbraio l’AterBalletto con “Bach Project” e ad aprile “You and Me” la nuova produzione dei leggendari “Mummenschanz”, che tornano a Bari dopo diversi anni.

Per gli allievi delle scuole di danza del Capoluogo della Puglia  la Camerata offre promozioni particolari per l’evento RBR Dance Company nei settori riservati all'iniziativa.

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel 080/5211908, on-line sul sito www.cameratamusicalebarese.it, presso il Botteghino del Teatro Petruzzelli e il Box Office della Feltrinelli.

***********

Con cortese sollecita pubblicazione e/o trasmissione. Grazie.


Anche quest’anno la Camerata Musicale Barese nell’ambito della 78ª Stagione Concertistica propone alcuni Eventi di grandissimo spessore culturale dedicati al “Teatro Musicale”.

La rassegna si aprirà lunedì 18 novembre, al Teatro Petruzzelli, con il famoso Giancarlo Gianniniaccompagnato dal Quartetto di Marco Zurzolo ne “Le Parole Note”.

Questo il titolo scelto dal grande “Maestro del Teatro e del Cinema” internazionale per presentarsi al pubblico; un recital che vuole essere un racconto, un dialogo tra il famoso artista e gli spettatori. Giannini interpreterà poesie e monologhi di grandi personaggi come Dante, Neruda, Montale, D’annunzio e non mancheranno i versi dei più importanti poeti e scrittori napoletani come Salvatore Di Giacomo ed Eduardo De Filippo accompagnati dalle note musicali del noto sassofonista partenopeo. Il tutto nasce dalla consapevolezza che c’è bisogno di divulgare nel mondo la poesia e la musica italiana, in un momento storico particolare, dove la globalizzazione tende ad eliminare le varie identità. Giancarlo Giannini ha sentito l’esigenza, in questi anni, di raccontare la storia italiana attraverso film molto importanti ed ora, dopo 50 anni di successi ininterrotti, ha voluto fortemente realizzare questo recital che racchiude il meglio della nostra cultura. I versi di Montale, Gozzano, Dante, Pascoli, D’Annunzio, Pirandello e tanti altri, saranno affiancati dalle canzoni appartenenti alla cultura nazionale e non…

Il 24 febbraio, sempre al Teatro Petruzzelli, andrà in scena “Pochi avvenimenti, felicità assoluta, scene da unmatrimoniocon Sonia Bergamasco voce recitante e il Trio EsTrio formato da Laura Gorna (violino), Cecilia Radic (violoncello) e Laura Manzini (pianoforte).  Il concerto–spettacolo nasce nel nome di Clara e Robert Schumann e intreccia una scrittura originale di poesia per il teatro con una drammaturgia musicale pensata e articolata in funzione e a compimento di questa opera. Nelle parole di Clara, al capezzale del marito poco prima della sua morte, fiorisce l’avventura umana, spirituale e artistica di un incontro predestinato, in cui solo la voce della “Musica” mantiene viva e lancinante la presenza-assenza di Robert, ormai ridotto al silenzio. Le dinamiche compositive tra testo e musica, il dialogo serrato e costante tra di essi, e l’articolazione scenica del lavoro sono stati “orchestrati” dalle quattro soliste esaltando l’intensa e coinvolgente drammaturgia di Maria Grazia Calandrone.Sonia Bergamasco è una delle attrici italiane più versatili del momento anche per via delle sue frequenti apparizioni televisive (Livia del Commissario Montalbano).

Chiuderà la Rassegna un altro volto noto del cinema e del teatro italiano: Alessandro Preziosi, il 21 maggio, in “Otello: dalla parte di Cassio”, originale rilettura del capolavoro di William Shakespeare sulle note del pianoforte di Rebecca Woolcock raffinata musicista, spesso protagonista al Maggio Fiorentino.

Una pièce originale, un “dramma della gelosia” per una moderna riflessione su un argomento di scottante attualità, dal punto di vista di un personaggio chiave, seppure inconsapevole, nel perfido disegno di Iago. Cassio, luogotenente del Moro di Venezia, diventa suo malgrado strumento del male: il sospetto del tradimento, instillato dalle velenose insinuazioni dell’infido alfiere, porterà Otello alla follia, spingendolo fin oltre il baratro, fino all’insano gesto che causerà la sua rovina.

Alessandro Preziosi, attore di Cinema e Teatro, divo del piccolo schermo, ritorna a confrontarsi con Shakespeare dopo il successo del suo “Amleto” e sceglie Cassio come alter ego per uno sguardo trasversale sulla tragedia, per raccontare ancora una volta una storia dolorosa che trascende il gusto dell’età elisabettiana.

Tre appuntamenti ed un intreccio di musica e parole che emozioneranno il pubblico coinvolgendolo verso una emozione senza fine.

Continuano intanto le prenotazioni per il concerto che il celebre Violinista Uto Ughi, accompagnato al pianoforte da Michail Lifits, terrà il prossimo 7 novembre al Teatro Petruzzelli per inaugurare la Stagione 2019/2020 della Camerata Musicale Barese.

Informazioni e prenotazioni presso i nostri uffici in via Sparano 141 infotel 080/5211908 e sul sito www.cameratamusicalebarese.it.  

 

Con preghiera di cortese sollecita pubblicazione e/o trasmissione. Grazie.


Tra le figure di spicco del jazz italiano, Giovanni Guidi e Fabrizio Bosso inaugureranno, lunedì 11 novembre al Teatro Showville la rassegna “Notti di Stelle Winter”, edizione invernale del Festival Jazz della Camerata Musicale Barese.

Ad accompagnarli, tre talenti indiscussi della scena jazz internazionale: Francesco Bearzatti (sax tenore), Dezron Douglas (contrabbasso) e Joe Dyson (batteria).

Giovanni Guidi e Fabrizio Bosso hanno percorso strade molto diverse: Giovanni pianista per anni alla corte di Enrico Rava, dopo alcune incisioni per CAM Jazz, è approdato alla blasonata etichetta ECM, con cui ha già registrato tre album. Fabrizio, arrivato ai massimi vertici a livello mondiale del suo strumento, ha inciso per Blue Note, Verve ed ora Warner. I due si sono incontrati ad Umbria Jazz, e hanno pensato bene di unire le loro forze in un progetto che li potesse spingere a oltrepassare i confini della loro ricerca musicale.

Il gruppo prende spunto da una frase del grande pianista Bill EvansJazz is not a what, it is a how”, indicando così la strada continua della creatività, del “come” rispetto al “cosa”.

In una nota diffusa alla stampa, i due musicisti hanno espresso parole di stima l’uno per l’altro.

“Giovanni e io ci conosciamo da anni – ha dichiarato Fabrizio Bosso -, ma non abbiamo mai suonato assieme, eppure, nonostante ci muovessimo su binari diversi, c’è stata molta sintonia. Sono felice di iniziare questa nuova esperienza, ho sempre ritenuto Giovanni un pianista visionario. Sono curioso di vedere dove ci porterà la fusione dei nostri background così diversi. Anche questa è la magia del jazz: da esperienze diverse può scaturire qualcosa di radicalmente nuovo“.

Dal canto suo, Giovanni Guidi ha affermato: “Con Fabrizio, ci siamo incontrati ad Umbria Jazz. Dopo aver assistito al suo concerto, gli ho proposto istintivamente un progetto che facesse incrociare i nostri percorsi musicali. Fabrizio è un musicista eccezionale, questo viaggio non poteva partire senza il suo suono e le sue note. Mi attrae l’idea di esplorare insieme un territorio nuovo per entrambi, al di fuori dei nostri confini abituali e che metta in risalto una nostra comune attitudine di fare jazz. A questo allude il nome del progetto, il cui titolo si rifà a una frase di Bill Evans (“Jazz is not a what, it is a how”): non è tanto il cosa che conta, quindi, ma il come. E in questo ci ritroviamo“.

“Notti Winter” proseguirà l’11 dicembre  con Peter Bernstein & Guido Di Leone Quartet in un omaggio a  Jim Hall, uno dei più amati e influenti chitarristi di sempre, e continuerà con il Concerto di Natale  a cura di The Golden Voices Of Gospel “New York” che il 23 dicembre al Petruzzelli, ci introdurrà nel periodo delle feste natalizie con un  tripudio di suoni e voci in perfetto stile Gospel e la perfetta cornice per gli auguri della Camerata a tutto il pubblico. Il 16 marzo, sempre al Teatro Petruzzelli,  Gino Paoli, una delle leggende della musica italiana, presenterà a Bari il suo ultimo progetto live “Una lunga storia”, un concerto evento per festeggiare i suoi 60 anni di carriera.

Per il ciclo dei concerti “Notti di Stelle Winter” sono disponibili abbonamenti al costo di  € 150 per la poltrona ed € 100 per la poltroncina.

Informazioni e prenotazioni presso gli Uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel. 080/5211908 e sul sito www.cameratamusicalebarese.it     

***************

Con preghiera di cortese sollecita pubblicazione e/o trasmissione. Grazie.


Non un violinista, ma un’autentica leggenda vivente: sarà Uto Ughi, uno tra i più rinomati protagonisti della scena musicale internazionale, ad inaugurare giovedì 7 novembre al Teatro Petruzzelli il Cartellone della 78ª Stagione della Camerata Musicale Barese.

Uto Ughi sarà accompagnato al pianoforte da Michail Lifits, un pianista di primo piano, vincitore nel 2009 del “Ferruccio Busoni” di Bolzano, uno dei più selettivi e prestigiosi concorsi pianistici in campo internazionale.

La Camerata Musicale Barese ha inteso dedicare il Concerto inaugurale alla memoria di Nicola Sbisà, indimenticabile amico della “Musica e della Camerata”, che per oltre 60 anni fu il fedele testimone di tutta la vita artistica e culturale della Puglia intera.

Ughi aprirà il concerto con la Ciaccona in sol minore di Tomaso Antonio Vitali, vissuto tra Seicento e Settecento e oggi noto per quest’unica ma celeberrima composizione, che è nel repertorio dei più grandi virtuosi e viene preferibilmente eseguita nella revisione ottocentesca di Ferdinand David, mentre la seconda parte del concerto sarà  dedicata a tre celebri e brillanti pezzi di bravura della fine dell’Ottocento e dell’inizio del Novecento che flirtano con i colori e i ritmi della musica spagnola.

È di Manuel De Falla, il maggior rappresentante della scuola nazionale iberica, la Suite Popular Española, fortunata versione per violino e pianoforte delle sue Canciones Populares Españolas del 1914.

Dedicato al violinista spagnolo Pablo De Sarasate, il Rondò capriccioso op. 28 di Camille Saint-Saënsera fatto per mettere in mostra la prodigiosa bravura di quel celebre virtuoso e nel contempo era un omaggio alla sua patria, perché vi compaiono melodie e ritmi dall’inconfondibile colore spagnolo. Questo brano divenne talmente celebre che due grandi compositori come Bizet e Debussy ne hanno fatto delle proprie versioni.

Il concerto si conclude con la pirotecnica Tzigane di Maurice Ravel, una musica dal virtuosismo satanico e smagliante, un vero tour de force con cui solo i più grandi violinisti possono cimentarsi.

Non è certamente necessario tessere ancora una volta le lodi di Uto Ughi, uno dei massimi esponenti della tradizione violinistica italiana e dei più grandi violinisti in assoluto dei nostri tempi. Quando era appena dodicenne, la critica già scriveva di lui: “Uto Ughi deve considerarsi un concertista artisticamente e tecnicamente maturo”. Ha suonato in tutto il mondo, nei principali festival, con le più rinomate orchestre sinfoniche, sotto la direzione dei più importanti direttori d’orchestra. Ha inciso le più importanti opere del repertorio violinistico e pubblicato il libro “Quel Diavolo di un Trillo – Note della mia vita”.

Suona un Guarneri del Gesù del 1744 dal suono caldo e dal timbro scuro, forse uno dei più bei “Guarneri” esistenti, ed uno Stradivari del 1701 denominato “Kreutzer” perché appartenuto all’omonimo violinista a cui Beethoven aveva dedicato la famosa Sonata.

Nato nel 1982 a Tashkent (Uzbekistan) e trasferitosi in Germania all’età di 16 anni, Michail Lifits svolge una notevolissima carriera da solista nelle più importanti sale da concerto d’Europa e d’America ed è anche un appassionato e ricercato musicista da camera. Incide in esclusiva per Decca ed è attualmente impegnato nell’incisione integrale della musica per pianoforte di Schubert.

In occasione del Concerto inaugurale della 78ª Stagione "Armoniosa", la Camerata Musicale Barese offre, per accordi con l'Assessorato del Comune di Bari, un numero limitato di biglietti al costo promozionale di

€ 30.00 nei settori riservati, mentre continua la campagna abbonamenti con particolari promozioni riservate ai giovani e docenti di qualsiasi disciplina.

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel 080/5211908, on-line sul sito www.cameratamusicalebarese.it, presso il Botteghino del Teatro Petruzzelli e il Box Office della Feltrinelli.

***********

Con cortese sollecita pubblicazione e/o trasmissione. Grazie.


Giovedì 7 Novembre, si inaugurerà con l’affascinante violino del grande musicista milanese, la 78ª Stagione“Armoniosa” della “Camerata Musicale Barese”, che continua a fare onore alle tradizioni ed al ruolo della associazione barese nella storia della Musica a Bari.

Uto Ughi suonerà al Teatro Petruzzelli per la Camerata insieme al pianista Michail Lifits, non un semplice “accompagnatore” ma un pianista di primo piano, vincitore nel 2009 del concorso “Ferruccio Busoni” di Bolzano, una delle più selettive e prestigiose competizioni pianistiche in campo internazionale.

L'eccelso Violinista ha sempre confermato il suo apprezzamento per il pubblico barese e non ha perso occasione per esprimere il suo compiacimento per l’attività svolta da tantissimi lustri, della Camerata e dei suoi soci. L'Associazione barese è riuscita ad ottenere l'adesione di Uto Ughi, nonostante i tanti impegni del violinista milanese in questo inizio di Stagione. Era quello che la Camerata aspettava per rendere omaggio al suo pubblico per la nuova Stagione Concertistica.  

Suona un Guarneri del Gesù del 1744 dal suono caldo e dal timbro scuro, forse uno dei più bei “Guarneri” esistenti, e uno Stradivari del 1701 denominato “Kreutzer” perché appartenuto all’omonimo violinista a cui Beethoven aveva dedicato la famosa Sonata.

Il programma della serata sarà il seguente:

 

T.Vitali  Ciaccona in Sol minore

L.V. Beethoven  Sonata a Kreutzer

M. de Falla   Suite popolare spagnola

C. Saint Saens  Rondo capriccioso

M. Ravel  Tzigane

 

Biglietti  disponibili presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel 080/5211908, on-line sul sito www.cameratamusicalebarese.it, presso il Botteghino del Teatro Petruzzelli e il Box Office della Feltrinelli.

 

Con cortese sollecita pubblicazione e/o trasmissione. Grazie.


Con la premiazione di una validissima promessa del pentagramma si è conclusa all’Auditorium Vallisa la Rassegna/Concorso della Camerata Musicale Barese “Musica Giovani”, realizzata in collaborazione del Conservatorio N. Piccinni di Bari, impegnato questo nella preventiva selezione degli esecuori.

Patrocinatori della manifestazione, oltre al MIBACT ed il Comune di Bari, UBI Banca e la Fondazione Puglia

Ad aggiudicarsi il primo premio è stato il Pianista Osvaldo Fatone.

Per questa edizione i premi finali sono stati calcolati su un incremento automatico del cachet pari al 25% al quarto classificato, 50% al terzo, il 75% al secondo e il 100% al primo.

Secondo classificato il Trio formato da Gioacchino Visaggi (violino), Marcello Sette (violoncello) e Roberto Di Napoli (pianoforte), terzii Pianisti Gaia Damiana Minervini, Corrado Fondacone, Michele Renna, Giuseppe Taccogna e Modesto Picci e quarto il Duo formato dal Flautista Roman Gero e il Chitarrista Fulvio Lattarulo nonché i due violinisti  tredicenni Paride Losacco e Maria Serena Salvemini.

La giuria era composta dal Musicologo Piefranco Moliterni, dal Prof. Michele Bozzi docente del Conservatorio e dalla Dott.ssa Rossella Negro in rappresentanza di Ubi Banca.

La Giuria ha espresso i complimenti per l’elevato livello dei concorrenti, che fanno certamente onore alla nostra città ed al Conservatorio, di cui sono eccellenti allievi e che si sono rivelati autentiche speranze per la nostra musica.

Il Direttore Generale della “Camerata” Dott. Rocco De Venuto ha premiato i quattro vincitori.

Osvaldo Fatone, nato nel 1995, ha conseguito il Diploma accademico in Pianoforte con lode e menzione speciale nel 2016 presso il Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari, dove ora frequenta il corso singolo di interpretazione pianistica sotto la guida del M° Pasquale Iannone, con il quale studia anche presso l’Accademia Musicale Pescarese. Ha eseguito numerosi recital solistici in Italia e all’estero. Vincitore assoluto del Concorso Internazionale “Città di Airola”, ha conquistato il Primo Premio al 14° Concorso Pianistico Internazionale “Lia Tortora”, al 24° Concorso Pianistico Internazionale “Roma”, al 1° Concorso Pianistico Internazionale “Giuseppe Piliego”, al 1° Concorso Internazionale di Esecuzione Musicale “Rito Selvaggi”. Si è classificato secondo al Concorso Pianistico Internazionale “Young Pianist of the North” (Newcastle upon Tyne), terzo al Concorso Pianistico Internazionale “Città di Spoleto” e al concorso Internazionale “Città di Stradella” (Premio “Agostino Depretis”). È stato vincitore nel 2018 della XIII edizione del Premio Nazionale delle Arti promosso dal Ministero della Pubblica Istruzione, giuria presieduta dal M° Benedetto Lupo, per la sezione dedicata all’interpretazione pianistica.

Appuntamento alla prossima edizione di “Musica Giovani”, prevista per l’autunno 2020.

Con preghiera di cortese sollecita pubblicazione e/o trasmissione. Grazie


La Camerata Musicale Barese presenta per questa Stagione una nuova Rassegna, “Musicando nelle Chiese”, con la quale si propone di intraprendere un percorso di ascolto e spiritualità articolato in diversi appuntamenti musicali in collaborazione con diverse parrocchie di Bari e provincia.

Gli appuntamenti uniranno la magia della Musica alla bellezza delle Chiese pugliesi, per cui tra le sacre mura echeggeranno note musicali di alta spiritualità per avvicinare un pubblico all’ascolto della Musica classica nelle sue diverse forme e tipologie, dando sempre grande spazio sia ai giovani che ad affermati artisti da molti anni in carriera. Proprio in tale ottica ormai la “Camerata” da alcuni anni, si impegna per costruire un progetto di eventi ed iniziative per tutti, che valorizzi la Cultura, la Storia e le Tradizioni di tutta la Regione.

Una Rassegna che è destinata a ripetersi e a diventare non solo un progetto, ma una realtà artistica alla ricerca di eccellenti Artisti ed Opere di estremo rilievo, ricerca che la Camerata Musicale Barese tende a trasmettere soprattutto alle nuove generazioni.

Il primo appuntamento è fissato per sabato 19 ottobre il Santuario del Beato Giacomo di Bitetto con il Duo Variandi composto dai giovani chitarristi Antonio Simone Palmisano e Davide Minerva.

Il loro lavoro è incentrato anche nell’arrangiamento e nella trascrizione per “duo chitarristico” di celebri brani di musica classica. La loro prima esibizione si è svolta proprio in occasione di una lezione-concerto, organizzata sempre dalla Camerata Musicale Barese. In seguito, i due giovani artisti hanno frequentato nel 2018 il prestigioso corso estivo dell’Accademia Chigiana di Siena sotto la guida del celeberrimo Maestro Oscar Ghiglia. Durante tale esperienza hanno avuto l’opportunità di esibirsi in un concerto insieme ad altri giovani talenti personalmente selezionati dal Maestro Ghiglia. A termine del corso è stato conferito al Duo il Diploma di Merito, per l’impegno ed il valore artistico dimostrato. Il repertorio eseguito dal duo spazia nei secoli della musica classica: particolare attenzione è dedicata ai grandi Maestri dell’800 quali Schubert, Brahms e Beethoven, per arrivare al ‘900 con brani del compositore italiano Mario Castelnuovo-Tedesco; non mancano infine influenze anche della contemporaneità come le esecuzioni del compositore

Marek Pasieczny e Paulo Bellinati.

I prossimi appuntamenti della rassegna sono fissati presso la Chiesa di Santa Croce e la Chiesa di San Giuseppe a Bari.

Tutti i concerti sono ad ingresso libero, gratuiti, aperti a tutta la collettività, per una Chiesa di tutti dove la bellezza della Musica porterà al naturale arricchimento dello spirito.

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese, Via Sparano 141, tel. 080/5211908.

****************

Con cortese preghiera di pubblicazione e/o trasmissione


Domani 16 ottobre alle 20.45 ultimo appuntamento alla Vallisa di “Musica Giovani” con i Pianisti Gaia Damiana Minervini, Corrado Fondacone, Michele Renna, Giuseppe Taccogna e Modesto Picci; al concerto seguirà la premiazione.

Il programma della serata è tutto dedicato a Franz Liszt.

“Musica Giovani” è stata organizzata dalla Camerata con la collaborazione del Conservatorio

“N. Piccinni” di Bari.

La formula, già collaudata nelle passate edizioni, è stata quella di coinvolgere gli studenti che a metà anno accademico presentano le proprie proposte artistiche ad una commissione interna del Conservatorio: tra le numerose, sono scelte le migliori. Gli esecutori sono stati poi distribuiti nei quattro concerti, durante i quali una commissione di esperti esprime un giudizio, tramite punteggio ad ogni concerto, e quindi una graduatoria. Il premio conferito ai vincitori sarà quello di un incremento percentuale (dal 25 al 100%) automatico del cachét rispetto a quanto previsto dalla suddetta graduatoria.

Della giuria fanno parte il Prof. Pierfranco Moliterni docente universitario e musicista in veste di Presidente, la Dottoressa Rossella Negro in rappresentanza di UBI Banca e il Maestro Michele Bozzi  per il Conservatorio Piccinni di Bari.

Per info rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano141 e on-line sul sito www.cameratamusicalebarese.it.

 

Con cortese preghiera di pubblicazione e/o trasmissione