Sala stampa

Il “TeatroDanza Mediterraneo”  della Camerata Musicale Barese per il 2018 proseguirà il 23 marzo, al Teatroteam, con lo spettacolo “Eureka”,  ultima produzione  del “Kataklò Athletic DanceTheatre”, che, a Bari, viene presentata in esclusiva regionale; è una sintesi di equilibrio tra danza, e  poesia.

Eureka”, è l’attesissimo nuovo spettacolo firmato Giulia Staccioli, che si rimette alla prova con la stessa energia e caparbietà di 20 anni fa, mettendo in scena la sua rielaborata e inedita visione di “Idea” (Eureka dal greco “ho trovato”) che,  come noto, rimanda alla celebre esclamazione dell’antico matematico greco Archimede urlata, correndo nudo per la città, per celebrare e condividere con la sua gente una sorprendente scoperta appena avvenuta.

Non è un caso che il titolo del nuovo spettacolo teatrale di Kataklò si ispiri a questa vicenda: Giulia Staccioli comunica con la stessa forza del celebre scienziato la voglia di condividere con il suo pubblico la ricerca di un movimento nuovo, espressivo, intenso, teatrale, sempre immediatamente comprensibile e apprezzabile da tutti.

I due tempi dello spettacolo sono molto diversi tra loro: il primo è intenso, poetico, evocativo, quasi in bianco e nero, protagonisti il corpo e la luce; il secondo è colorato, energico, coinvolgente e ironico.

Eureka è uno show a quadri il cui cuore pulsante è rappresentato dalle straordinarietà fisiche ed espressive dei performer, già applauditi dagli spettatori di tutto il mondo in Puzzle, già rappresentato per la Camerata.

Eureka è compartecipazione di un’esperienza vissuta su più livelli: sia da chi il palco lo calpesta con un’evidente responsabilità artistica, sia da un pubblico in platea incuriosito ed emozionato per la condivisione esperienziale di cui è testimone al di là della quarta parete.

In un momento storico in cui la spinta creativa del teatro fisico, ormai divenuto così popolare, verte sul virtuosismo, sulla prodezza gratuita e sullo stupore a tutti i costi, Staccioli, ancora una volta, va contro corrente e mette al servizio dell’arte, un’idea che torna all’umano aiuto, al valore della relazione, alla ricerca della qualità del gesto senza manierismo.

In Eureka l’idea unisce e diventa “il cammino più corto tra uomo e uomo” per citare Roger Garaudy; Staccioli e i suoi danzatori non si pongono su di un piedistallo irraggiungibile ma si fanno vicini, complici di un’azione vissuta.

Il pubblico, uscendo da teatro, non solo si sarà divertito con uno spettacolo di danza e di teatro fisico di altissimo livello, sensibilità e gusto, ma si porta a casa anche una gioia non solo sul piano degli occhi ma anche della partecipazione umana duratura.

Gli altri due appuntamenti  del “TeatroDanza Mediterraneo” sono fissati per lunedì 30 aprile e domenica 17 giugno al Teatro Petruzzelli, rispettivamente con il Ballet Flamenco Espanol in “Bolero – Zapateado – Flamenco Live” e con “Coppelia”, una produzione   Daniele Cipriani Entertainment con Anbeta Toromani e Alessandro Macario.

I biglietti per gli spettacoli sono in vendita presso  gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141, Box Office della Feltrinelli, Botteghino del Teatro Petruzzelli oltre che sul sito internet www.cameratamusicalebarese.it


La seconda parte della 76ª Stagione della Camerata Musicale  Barese offrirà tra marzo ed aprile tre appuntamenti di grande rilievo e richiamo.

Il primo Evento Straordinario fuori abbonamento,  in programma la sera del 12 marzo al Teatro Petruzzelli,   sarà il concerto di Giovanni Allevi  accompagnato dagli Archi dell’Orchestra Sinfonica Italiana insieme ai quali presenterà il suo nuovo lavoro "Equilibrium".

Jeans, T-shirt, scarpe da ginnastica. È così che il M° Giovanni Allevi va incontro al suo pubblico nei teatri più prestigiosi del mondo, dalla Carnegie Hall di New York all’Auditorium della Città Proibita di Pechino.   

Il 23 marzo altro appuntamento con la nuova produzione dei Kataklò Athletic  DanceTheatre in “Eureka” al Teatroteam. Giulia Staccioli comunica con la stessa forza del celebre scienziato la voglia di condividere con il suo pubblico la ricerca di un movimento nuovo, espressivo, intenso, teatrale, sempre immediatamente comprensibile e apprezzabile da tutti. I due tempi dello spettacolo sono molto diversi tra loro: il primo è intenso, poetico, evocativo, quasi in bianco e nero, protagonisti il corpo e la luce; il secondo è invece colorato, energico, coinvolgente e ironico. “Eureka” è uno show, a quadri, eterogeneo il cui cuore pulsante è rappresentato dalle straordinarietà fisiche ed espressive dei suoi performer, già applauditi dagli spettatori di tutto il mondo in “Puzzle”.

Martedì 10 aprile alle ore 21 sul palcoscenico del Teatro Petruzzelli, altro Evento Straordinario fuori abbonamento:  i RadioDervish con l’Orchestra ICO MagnaGrecia,diretta dal M° Valter Sivilotti, in “Classica”, un progetto inedito che vede per la prima volta il gruppo italo palestinese interagire con un'orchestra sinfonica.

Valter Sivilotti ha anche curato gli arrangiamenti per orchestra di questo progetto musicale.  I Radiodervish e l’Orchestra ICO “Magna Grecia” si inoltrano in un programma costituito da una scelta di brani tratti dal repertorio del gruppo di word music e da alcune cover di Domenico Modugno.

I biglietti prenotati per tutti e tre gli appuntamenti possono essere ritirati presso gli uffici della Camerata.

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi presso gli uffici della Camerata in Via Sparano 141 infotel 080/5211908.


Domani alle 20.45 appuntamento con il Pianista Alexei Melnikov al Villa Romanazzi Carducci per la Stagione Concertistica della Camerata.

Inizio ore 20.45.

In programma Due Rapsodie op. 79  di J. Brahms, Kreisleriana 8 Fantasie op. 16 di R. Schumann,

la Sonata n. 2 in si bem. min. op. 36, il Preludio in re magg. op. 23 n. 4 e il Preludio in re min. op. 32 n. 10  di S. Rachmaninov e 4 Studi op. 2 di S. Prokofiev.

Nato a Mosca nel 1990, Alexei dimostrò molto presto interesse per il pianoforte e la composizione:

durante il decennio di studio alla scuola di Gnessin prese parte a numerosi concorsi nazionali e internazionali; distinguendosi in particolare al Concorso Carl Czerny di Praga (2005), dove vinse il secondo premio. Ha vinto anche il Secondo Premio al Concorso Internazionale in memoria di Vera Lautard-Chevtchenko a Novosibirsk, ed il Primo Premio al Concorso Internazionale “Citta di Cantù” in Italia. Nel 2014 trionfa alla VI edizione del Concorso Pianistico Internazionale Repubblica di San Marino. Per lui non solo il Primo Premio ma anche il Premio del Pubblico, quello assegnato dall’Orchestra e quello della Critica.

Nel 2015 ha partecipato al “IX Hamamatsu International Competition,” il più grande concorso pianistico del Giappone, dove ha ottenuto il Terzo Premio, suonando nella fase finale il Concerto n.3 di Rachmaninoff con la Tokyo Symphony Orchestra diretta da Ken Takaseki.

Per informazioni   rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel 080/5211908.


Appuntamento con la grande Concertistica della Camerata Musicale Barese lunedì 19 febbraio al Teatro Petruzzelli con il giovanissimo Pianista Conrad Tao.

Conrad Tao è definito dalla critica un artista dotato di “una forza esplosiva”.

Egli unisce una tecnica sorprendente alla capacità di comunicare, in maniera molto chiara, il senso di ogni genere di partitura.

Nato nel 1994 a Urbana, nell’Illinois, Tao è stato nominato nel 2011 a soli diciassette anni Presidential Scholar in the Arts dalla Commissione della Casa Bianca e dal Dipartimento della Pubblica Istruzione. Nello stesso anno è stato nominato Gilmore Young Artist, onorificenza conferita ai giovani pianisti americani di maggior talento.

Tao vanta anche una proficua carriera come compositore. Durante la stagione 2013/14, mentre è stato artista residente presso la Dallas Symphony Orchestra, ha presentato la sua prima composizione per orchestra The World Is Very Different Now, commissionata per il cinquantesimo anniversario dell’assassinio del presidente John F. Kennedy e definita dal New York Times “partitura armoniosa e potente.

Tra le collaborazioni di maggior rilievo in ambito sinfonico, ricordiamo quelle con la San FranciscoSymphony, Baltimore Symphony, Toronto Symphony, St. Louis Symphony, Detroit Symphony, National Arts Centre Orchestra, Indianapolis Symphony, Nashville Symphony. Ha intessuto una stretta collaborazione con l’Aspen Music Festival, e si è tra l’altro esibito presso la Sun Valley Summer Symphony, Brevard Music Center, Ravinia Festival, Mostly Mozart Festival.

Nel 2013, ha dato il via alla prima edizione del Festival Unplay presso la Power House Arena di Brooklyn, da lui personalmente curato e prodotto. Il Festival è stato giudicato  come una “scelta critica” da parte di TimeOute acclamato dal New York Times per la sua “organizzazione intelligente”, nondimeno lodato in quanto “denso di esecuzioni coinvolgenti e senza fine”.

Non a caso, esso gli ha dato modo, al fianco di artisti ospiti, di eseguire una grande varietà di nuove opere. Nello spazio di tre notti si sono tenuti spettacoli di musica elettroacustica, arti figurative, giovani ensemble, e molto altro ancora. Egualmente nel giugno 2013, in qualità di artista Warner Classics, pubblica Voyages, il suo primo lavoro originale realizzato per quest’etichetta, definito un “debutto spinoso” da parte di Alex Ross del New Yorker. L’album successivo, Pictures, pubblicato nel 2015, include opere di David Lang, Toru Takemitsu, Elliott Carter, e di Tao stesso, accanto all’esecuzione di Quadri ad un’Esposizione dell’amatissimo Musorgskij.

Per il concerto vale  la formula “A Teatro con Mamma e Papà” aperta a tutti i ragazzi fino a 15 anni accompagnati da un genitore: costo del biglietto € 12,00.

Sconti speciali anche per i giovani fino a 25 anni, costo del biglietto € 5,00.

 

Continuano intanto le prenotazioni per gli Eventi Straordinari di “Giovanni Allevi” con gli Archi dell’Orchestra Sinfonica Italiana e dei “Radiodervish” con l’Orchestra della Magna Grecia rispettivamente il 12 Marzo e 10 Aprile presso il Teatro Petruzzelli.

Informazioni e prenotazioni  presso i nostri uffici in via Sparano 141 infotel 080/5211908,

Botteghino del Teatro Petruzzelli,  Box Office c/o La Feltrinelli  e sul sito www.cameratamusicalebarese.it 


Mercoledì 24 gennaio Stefano Bollani presenterà per la Camerata Musicale Barese “Napoli Trip”, un progetto nato dal suo grande amore  per la città partenopea.

Napoli Trip non è un semplice tributo personale, ma un concerto di varie anime, un “ensemble” che si avvale di grandi talenti internazionali, in primis il compositore e sassofonista Daniele Sepe, garanzia di una napoletanità popolare, aperta e vitale.  

Sul palco  altri due  grandi musicisti, Nico Gori al clarinetto e Bernardo Guerra alla batteria.  

Il concerto chiuderà la Rassegna “Notti di StelleWinter” la costola invernale della rassegna jazz della Camerata Musicale Barese.

Informazioni e prenotazioni presso gli uffici della Camerata  in via Sparano 141 infotel 080/5211908, Botteghino del Teatro Petruzzelli,  Box Office c/o La Feltrinelli  e sul sito www.cameratamusicalebarese.it . 


Stefano Bollani non ha bisogno di presentazioni, è uno dei musicisti italiani più noti e talentuosi della scena jazz e non solo. Il suo curriculum vanta collaborazioni con artisti del calibro di Gato Barbieri, Pat Metheny, Chick Corea, Michel Portal, Paolo Fresu, Richard Galliano fra gli altri, oltre a quella con il suo mentore e amico Enrico Rava, trombettista di fama internazionale.

Mercoledì 24 gennaio Bollani porterà al Teatro Petruzzelli  “Napoli Trip”   un progetto, discografico e live, nato dal suo  grande amore   per la città partenopea.

Napoli è infatti l’universo musicale che lo ha ispirato, spinto a comporre nuovi brani e ad improvvisare sulla musica napoletana del passato. Ecco perché ha voluto dalla sua parte DanieleSepe(sassofoni), a garanzia della napoletanità più popolare, il batterista Bernardo Guerra e Nico Gori al clarinetto, cercando stimoli ovunque, in tutta la musica del passato ma soprattutto esplorando il presente, l’attimo, e improvvisando a fianco di grandi artisti.

Con questi artisti, che condividono il suo eclettismo e la sua voglia di sperimentazione, Bollani può suonare la musica che preferisce, usando Napoli come porto di partenza per approdare ogni sera a lidi diversi

“Napoli. Un universo parallelo in cui mi son trovato a vagare spesso, da solo o con compagni di viaggio” scrive Bollani “Questo nuovo progetto musicale svela una Napoli vista con occhi lontani e diversi dai nostri ma con armonie contemporanee”.

Il concerto chiuderà la Rassegna “Notti di Stelle Winter” la costola invernale della rassegna jazz della Camerata Musicale Barese.

Si va verso  l’ennesimo “sold out” ed un ulteriore grande successo della Camerata Musicale Barese.

Informazioni e prenotazioni per gli ultimi posti disponibili presso gli uffici della Camerata  in via Sparano 141 infotel 080/5211908, Botteghino del Teatro Petruzzelli,  Box Office c/o La Feltrinelli  e sul sito www.cameratamusicalebarese.it . 


Martedì 30 gennaio alle 20.45 nuovo appuntamento con la Concertistica: di scena il Pianista Alexei Melnikov  alVilla Romanazzi Carducci per la Stagione della Camerata. Inizio ore 20.45.

In programma Due Rapsodie op. 79  di J. Brahms, Kreisleriana 8 Fantasie op. 16 di R. Schumann, la Sonata n. 2 in si bem. min. op. 36, il Preludio in re magg. op. 23 n. 4 e il Preludio in re min. op. 32 n. 10  di S. Rachmaninov e 4 Studi op. 2 di S. Prokofiev.

Nato a Mosca nel 1990, Alexei dimostrò molto presto interesse per il pianoforte e la composizione, e all’età di sei anni fu ammesso alla famosa scuola di musica di Gnessin, dove si perfezionò sotto la guida di Tatiana Shklovskaya. All’età di sette anni prese parte al suo primo concorso internazionale ad Atene. Durante il decennio di studio alla scuola di Gnessin prese parte a numerosi concorsi nazionali e internazionali; distinguendosi in particolare al Concorso Carl Czerny di Praga (2005), dove vinse il secondo premio e si esibì nel famoso Palazzo Žofín. Nel 2008 è entrato al celebre Conservatorio Tchaikovsky di Mosca nella classe del professor Sergei Dorensky (riconosciuto con il titolo di “People’s Artist of Russia”). Da allora la vita e l’attività musicale di Alexei si sono notevolmente intensificate.

Ha vinto il Secondo Premio al Concorso Internazionale in memoria di Vera Lautard-Chevtchenko a Novosibirsk, il Primo Premio al Concorso Internazionale “Citta di Cantù” in Italia. Nel 2014 trionfa alla VI edizione del Concorso Pianistico Internazionale Repubblica di San Marino. Per lui non solo il Primo Premio ma anche il Premio del Pubblico, quello assegnato dall’Orchestra e quello della Critica, che ha così motivato la propria scelta: “Per la convincente padronanza della tecnica e la varietà della gamma timbrica pienamente adeguata alla tipologia stilistica del concerto presentato (Rachmaninoff n.3)” Nel 2015 ha partecipato al IX Hamamatsu International Competition, il più grande concorso pianistico del Giappone, dove ha ottenuto il Terzo Premio, suonando nella fase finale il Concerto n.3 di Rachmaninoff con la Tokyo Symphony Orchestra diretta da Ken Takaseki.

La stampa giapponese l’ha definito “un pianista che ha creato un suo mondo musicale fin dall’inizio tramite la scelta di un repertorio perfettamente adatto al suo suono unico.” Alexei si è esibito con molte orchestre tra cui Orchestra of Belgorod Philharmonic, Tomsk Philhar – monic, the Chamber Orchestra of Veliky Novgorod Philharmonic, Chamber Orchestra “Virtuosi di Praga”, Orchestra Filarmonica “Mihail Jora” di Bacau, San Marino Symphony Orchestra, Tokyo Symphony Orchestra; in molte sale da concerto tra cui la Great Hall del Conservatorio di Mosca, Salle Zofin a Praga, Salle Cortot, Historic scene del Teatro Bolshoi, in molte città della Russia, della Germania, del Giappone, della Francia e dell’Italia.

Continuano intanto le prenotazioni per gli ultimissimi posti disponibili per l’evento di Stefano Bollani previsto per mercoledì 24; è annunciato un ulteriore “Sold-out” di questa Stagione “Formidable”.

Per informazioni   rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel 080/5211908.


Il 24 gennaio Stefano Bollani presenterà per la Camerata Musicale Barese “Napoli Trip”, un progetto nato dal suo  grande amore  per la città partenopea.

Un amore che ha radici lontane e risale agli anni in cui il pianista, appena undicenne, scoprì il grande Renato Carosone: una folgorante fonte di ispirazione, “uno che suonava il piano, scriveva canzoni, cantava e si divertiva”.  

Napoli Trip non è però un semplice tributo personale, ma un concerto di varie anime, un “ensemble” che si avvale di grandi talenti internazionali, in primis il compositore e sassofonista Daniele Sepe, garanzia di una napoletanità popolare, aperta e vitale.  

Sul palco  altri due  grandi musicisti, Nico Gori al clarinetto e Bernardo Guerra alla batteria.  

Con questi artisti, che condividono il suo eclettismo e la sua voglia di sperimentazione, Bollani può suonare la musica che preferisce, usando Napoli come porto di partenza per approdare ogni sera a lidi diversi.

Il concerto passa da Raffaele Viviani a Nino Taranto, da brani originali di Bollani fino ai nuovi classici di Pino Daniele.

Il concerto chiuderà la Rassegna “Notti di StelleWinter” la costola invernale della rassegna jazz della Camerata Musicale Barese.

Si prospetta l’ennesimo “sold out” ed un ulteriore grande successo della Camerata Musicale Barese.

Informazioni e prenotazioni presso gli uffici della Camerata  in via Sparano 141 infotel 080/5211908, Botteghino del Teatro Petruzzelli,  Box Office c/o La Feltrinelli  e sul sito www.cameratamusicalebarese.it .

 


La Camerata Musicale Barese propone lunedì 15 gennaio alle ore 21, presso il Teatro Showville,  “Callas inJazz”  un inedito incontro tra jazz e lirica, uno  spettacolo dedicato alla divina voce del melodramma, Maria Callas proposto da “The Opera Jazz Orchestra”.

Callas in Jazz non è un semplice omaggio alla grandiosità di questa artista e alle meravigliose melodie che la sua voce ha fatto brillare , ma è un nuovo e diverso punto di vista dello strumento Maria Callas.

Ed è proprio uno strumento, la tromba (e con essa il flicorno) del maestro Leonardo Lozupone ad interpretare la parte della divina, con straordinaria abilità espressiva.

Il concerto si caratterizza per l’interessante contaminazione del linguaggio lirico con quello jazz e viceversa grazie agli originali arrangiamenti di Silvano Mastromatteo, che nel recente passato si è cimentato  con un “Requiem in jazz”.

L’incontro tra jazz e lirica è dunque palesato dalla splendida voce di Mara De Mutiis, con  la voce narrante di Ugo Sbisà.

L’obiettivo dello spettacolo è quello di valorizzare uno degli strumenti solistici per eccellenza dell’antica tradizione bandistica pugliese, il flicorno, che si contamina e si giustappone alla voce, passando dallo stile originale classico all’arrangiamento di stampo afroamericano, con le sue continue improvvisazioni, creando una nuova visione sonora.

Prossimo appuntamento mercoledì 24 gennaio al Teatro Petruzzelli con il Quartetto di Stefano Bollani in “Napoli Trip” che chiuderà la Rassegna “Notti Di Stelle Winter” dellaCamerata.

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi presso i nostri uffici, in via Sparano 141, infotel 080/5211908  e sul sito www.cameratamusicalebarese.it


Il 12 marzo al Teatro Petruzzelli secondo Evento Straordinario previsto all'interno della 76? Stagione "Formidable":  si tratta del celebre pianista Giovanni Allevi che, accompagnato dagli Archi dell'OrchestraSinfonica Italiana, presenterà il suo "Equilibrium".

Acclamato nei più grandi Teatri di tutto il mondo, nonostante un'indole candida e schiva, Allevi si è distinto negli anni per aver reso fruibile e aver avvicinato un gran numero di giovani al repertorio pianistico.

Un divulgatore, dunque, e un innovatore, con l'intento di avviare un nuovo genere musicale, nella contaminazione della musica classica con sonorità e tendenze musicali contemporanee.

Allevi vestirà il triplice ruolo di Pianista, Compositore e Direttore d'Orchestra, accompagnato dagli Archi dell'Orchestra Sinfonica Italiana, formazione composta dai prestigiosi professori d'orchestra provenienti dalle diverse realtà teatrali italiane, che Allevi dirige dal 2009.

Con Allevi l'Orchestra condivide l'interesse per la sperimentazione e la contaminazione di generi. Interesse che renderà la performance del 12 marzo un'esperienza imperdibile per gli appassionati.

Allevi, in equilibrio perfetto nella sua musica tra “compositore, pianista e direttore d’orchestra”, durante il concerto assumerà col carisma e la leggerezza che lo contraddistinguono, tutti i diversi ruoli, attraverso una scaletta che vedrà alternare le atmosfere seducenti delle nuove composizioni e i brani più celebri della sua ventennale carriera.

“Equilibrium” è percorso da due anime musicali che si incontrano in un equilibrio ‘instabile’, quello che da sempre caratterizza la sua produzione: l’anima “rock” ribelle e scanzonata che smantella le convenzioni e l’anima classica, accademica, che conduce l’orchestrazione con grande rigore.

L’ “Equilibrium TOUR” è stato anticipato lo scorso 15 novembre da una Première al Teatro dal Verme di Milano insieme all’Orchestra Sinfonica Italiana di 60 elementi. In quell’occasione è stato eseguito per la prima volta in Europa, dopo la première mondiale negli Usa dello scorso 26 agosto, anche il “Concerto per Pianoforte e Orchestra n.1”, la nuova composizione con orchestra contenuta nell’ultimo album di Allevi, che vede al pianoforte il virtuoso Jeffrey Biegel e alla direzione il Maestro Jeffrey Reed, mentre nella seconda parte del concerto è stato lo stesso Giovanni Allevi a salire sul palco per l’esecuzione delle altre nuove composizioni di “Equilibrium”.

Ma a sfavillare in questo primo mese del 2018 sarà un’altra punta di diamante del jazz nazionale e internazionale, Stefano Bollani, in concerto al Teatro Petruzzelli il prossimo 24 gennaio con il Suo “Napoli Trip“.

I biglietti per gli spettacoli   sono in vendita presso   gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141, Box Office della Feltrinelli, Botteghino del Teatro Petruzzelli   oltre che sul sito internet www.cameratamusicalebarese.it