Sala stampa

Gran Galà di Inaugurazione del TeatroDanza Mediterraneodella Camerata Musicale Barese con“Mediterranea”, il balletto italiano che ha conquistato il mondo, giovedì 1° novembre al Teatro Petruzzelli.

Inizio dello spettacolo ore 21.

“Mediterranea” nasce nel 1993 per il Balletto di Toscana ed ottiene subito uno strepitoso successo. Per i suoi quindici anni, nel 2008, viene ripreso e rimontato per la compagnia del Teatro alla Scala, segnando il primo debutto scaligero a serata intera di Mauro Bigonzetti.  Per l’occasione Bigonzetti non si è limitato ad una semplice ripresa dell’originale ma attua una vera e propria riscrittura coreografica, facendo assumere alla coreografia un impatto fisico e visivo ancora maggiore e facendole acquistare il sapore della novità.  Quest'operazione si rinnova oggi: a 25 anni dal suo debutto, la coreografia più rappresentata nel mondo di Bigonzetti, viene ripresa con 18 danzatori solisti della Daniele Cipriani Entertainment.

“Mediterranea” fu già proposto dalla Camerata Musicale a Bari nel 1995 al Teatro Piccinni.

Nella prima parte dello spettacolo sono stati ideati una serie di passi a due  con la  partecipazione straordinaria dei Primi Ballerini Silvia Azzoni e Alexander Ryabko dell’Hamburg Ballett e Sergio Bernal del Ballet National di Spagna: artisti che con la loro arte, straordinarietà e unicità hanno conquistato il mondo  in un progetto che – in prima assoluta a Bari - porterà ad una vera circumnavigazione del Mediterraneo, attraverso la musica delle culture che vi si affacciano e che faranno viaggiare lo spettatore nello spazio e nel tempo. Da qui l’idea di coniugare “Mediterranea” nella seconda parte della serata.

Lo spettacolo è in esclusiva per la Camerata Musicale Barese.

Informazioni e prenotazioni presso gli Uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel. 080/5211908, Box Office della Feltrinelli, Botteghino del Teatro Petruzzelli e sul sito www.cameratamusicalebarese.it    


Shlomo Mintz, uno dei maggiori violinisti viventi, sarà il protagonista del secondo appuntamento della Stagione della Camerata Musicale Barese lunedì 29 ottobre al Teatro Showville. Inizio concerto ore 20.45.

Critici, colleghi e pubblico sono concordi nel considerare Shlomo Mintz uno dei maggiori violinisti del nostro tempo, stimato per la sua impeccabile musicalità, versatilità stilistica e padronanza tecnica.

Nato a Mosca nel 1957, due anni dopo è emigrato con la famiglia in Israele dove ha iniziato a studiare con Ilona Feher. A undici anni ha debuttato con la Israel Philharmonic Orchestra e a sedici anni ha debuttato alla Carnegie Hall di New York con la Pittsburgh Symphony Orchestra, suo mentore fu il grande violinista Isaac Stern. Ha poi continuato gli studi con Dorothy DeLay alla Julliard School of Music di New York. Ha collaborato con direttori storici come Sergiu Celibidache, Pablo Casals, Eugene Ormandy, Claudio Abbado, Lorin Maazel, Mistislav Rostropovich, Carlo Maria Giulini e continua a collaborare con le orchestre più celebri e i direttori più noti della scena internazionale, esibendosi in recital e concerti di musica da camera in tutto il mondo.

Ad accompagnare il grande violinista il pianista Sander Sittig,

In programma la Sonata in si bem. magg. K 454 di Wolfgang Amadeus Mozart, Poeme op. 25 di Ernest Chausson, Capriccio Basco op. 24 e Fantasie de Concert des motifs de la Carmen op. 25 di Pablo de Sarasate e la “Sonatina Quatre Hommages” in  prima esecuzione assoluta alla Camerata dello stesso Mintz.

Prenotazioni per abbonamenti e biglietti presso gli Uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 tel.  080/5211908 e sul sito www.cameratamusicalebarese.it 


Gran Galà di Inaugurazione del TeatroDanza Mediterraneodella Camerata Musicale Barese con“Mediterranea”, il balletto italiano che ha conquistato il mondo, giovedì 1° novembre al Teatro Petruzzelli. Inizio dello spettacolo ore 21.

“Mediterranea” nasce nel 1993 per il Balletto di Toscana ed ottiene subito uno strepitoso successo. Per i suoi quindici anni, nel 2008, viene ripreso e rimontato per la compagnia del Teatro alla Scala, segnando il primo debutto scaligero a serata intera di Mauro Bigonzetti.  Per l’occasione Bigonzetti non si è limitato ad una semplice ripresa dell’originale ma attua una vera e propria riscrittura coreografica, facendo assumere alla coreografia un impatto fisico e visivo ancora maggiore e facendole acquistare il sapore della novità.  Quest'operazione si rinnova oggi: a 25 anni dal suo debutto, la coreografia più rappresentata nel mondo di Bigonzetti, viene ripresa con 18 danzatori solisti della Daniele Cipriani Entertainment.

“Mediterranea” fu proposto dalla Camerata Musicale a Bari nel 1995 al Teatro Piccinni.

“Mediterranea” non è un lavoro narrativo ma evocativo: una vera circumnavigazione del Mediterraneo, attraverso la musica delle culture che vi si affacciano e che fanno viaggiare lo spettatore nello spazio e nel tempo. Costruito con momenti di insieme alternati a passi a due, il balletto si dipana mettendo in risalto forza giovanile e bellezza, energia e velocità.

I due protagonisti maschili, l’Uomo di Terra e l’Uomo di Mare, fungono da filo conduttore dello spettacolo. Alter ego l’uno dell’altro si incontrano e si scontrano in un complesso intreccio di sostegno e dipendenza reciproci. Tutta la danza è costruita nella coesistenza di emozioni opposte: movimenti energetici e scanditi si alternano a passaggi estremamente lirici.  Il grande affresco Mediterraneo si chiude in un particolare abbraccio finale tra i danzatori come simbolo di unione tra le diverse culture che animano questo Mare Nostrum.

Nella prima parte dello spettacolo sono stati ideati una serie di passi a due  con la  partecipazione straordinaria dei Primi Ballerini Silvia Azzoni e Alexander Ryabko dell’Hamburg Ballett e Sergio Bernal del Ballet National di Spagna: artisti che con la loro bravura, straordinarietà e unicità hanno conquistato il mondo  in un progetto che – in prima assoluta a Bari - porterà ad una vera circumnavigazione del Mediterraneo, attraverso la musica delle culture che vi si affacciano e che faranno viaggiare lo spettatore nello spazio e nel tempo. Da qui l’idea di coniugare “Mediterranea” nella seconda parte della serata. Lo spettacolo è in esclusiva per la Camerata Musicale Barese.

Un grande evento da non perdere, per il quale la Camerata ha anche attivato una promozione valida fino al 30 ottobre: chi acquista un biglietto di platea o di poltroncina potrà ricevere un secondo biglietto scontato del 50% Settori aperti. Promozione valida solo presso gli uffici della Camerata.

Continuano le prenotazioni per l’evento di Lina Sastri, che in prima nazionale, rappresenterà “Pensieri all’improvviso”, come anche per le ultime disponibilità del Concerto di Mario Biondi del 26 novembre prossimo.

Informazioni e prenotazioni presso gli Uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel. 080/5211908, Box Office della Feltrinelli, Botteghino del Teatro Petruzzelli e sul sito www.cameratamusicalebarese.it   


Secondo appuntamento della 77ª Stagione “Dreamy” della Camerata Musicale Barese lunedì 29 ottobre al Teatro Showville con  il  celebre violinista Shlomo Mintz.

Critici, colleghi e pubblico sono concordi nel considerare Shlomo Mintz uno dei maggiori violinisti del nostro tempo, stimato per la sua impeccabile musicalità, versatilità stilistica e padronanza tecnica.

Nato a Mosca nel 1957, due anni dopo è emigrato con la famiglia in Israele dove ha iniziato a studiare con Ilona Feher. A undici anni ha debuttato con la Israel Philharmonic Orchestra e a sedici anni ha debuttato alla Carnegie Hall di New York con la Pittsburgh Symphony Orchestra, suo mentore fu il grande violinista Isaac Stern. Ha poi continuato gli studi con Dorothy DeLay alla Juilliard School of Music di New York.

Ha collaborato con direttori storici come Sergiu Celibidache, Pablo Casals, Eugene Ormandy, Claudio Abbado, Lorin Maazel, Mistislav Rosptropovich, Carlo Maria Giulini e continua a collaborare con le orchestre più celebri e i direttori più noti della scena internazionale, esibendosi in recital e concerti di musica da camera in tutto il mondo. E’ attivo anche come violista, esibendosi con i migliori quartetti d’archi ed ensemble da camera e in recital. Ha vinto numerosi premi di prestigio, quali il Premio Accademia Musicale Chigiana di Siena, il Diapason d’Or, il Grand Prix du Disque, il Gramophone Award e l’Edison Award. Nel 2006 ha ricevuto la laurea honoris causa dall’Università Ben-Gurion di Beersheba. Oltre ad essere violinista e violista Shlomo Mintz ha aggiunto al suo curriculum artistico il ruolo di direttore d’orchestra dirigendo le più importanti orchestre internazionali.E’ patrono e uno dei fondatori del Keshet Eilon International Violin Mastercourse in Israele (un programma estivo di livello avanzato per giovani violinisti di talento che da tutto il mondo convergono a Kibbutz Eilon). Dal 2013 tiene regolari masterclass a Crans Montana in Svizzera, dove è anche direttore artistico del festival. Ha fatto parte della giuria di importanti concorsi internazionali di violino, come il Tchaikovsky di Mosca e il Queen Elisabeth International Music Competition di Bruxelles. E’ stato presidente di giuria alla International Henryk Wieniawski Competition di Poznan (Polonia) e è presidente di giuria alla Sion Valais International Violin Competition in Svizzera.

Mintz sarà accompagnato al piano da Sander Sittig. Nato a Rotterdam nel 1961  ha studiato al Conservatorio di Amsterdam con Jan Wijn e dopo il diploma ha continuato con Naum Grubert, Willem Brons, Eugene Indjic . Già durante gli studi ha fatto il suo debutto al Concertgebouw di Amsterdam e al De Doelen di Rotterdam.  Dopo aver vinto numerosi premi in diversi concorsi ha iniziato una carriera che l’ha portato a collaborare con diversi violinisti quali Shlomo Mintz, Ilya Grubert e Liza Ferschtman. Accompagna regolarmente Shlomo Mintz in concerti in Svizzera, Giappone e Olanda E’ ospite regolare a diversi festival in Italia, Svizzera, Portogallo Slovacchia e Repubblica Ceca.

Inizio del concerto ore 20.45.

In occasione dell'evento, in corso una straordinaria promozione, valida sino al 28 ottobre e per un numero limitato di posti. Una riduzione del costo del biglietto in poltrona da 44,00 euro a 25 euro e in poltroncina da 33 euro a 15 euro. I biglietti sono acquistabili sul sito www.cameratamusicalebarese.ite/o presso gli Uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel 080/5211908.


Lunedì 29 ottobre  al Teatro Showville  prosegue la Stagione Concertistica della Camerata Musicale Barese con  un concerto di  Shlomo Mintz, uno dei maggiori violinisti viventi.

Critici, colleghi e pubblico sono concordi nel considerare Shlomo Mintz uno dei maggiori violinisti del nostro tempo, stimato per la sua impeccabile musicalità, versatilità stilistica e padronanza tecnica. Nato a Mosca nel 1957, due anni dopo è emigrato con la famiglia in Israele dove ha iniziato a studiare con Ilona Feher. A undici anni ha debuttato con la Israel Philharmonic Orchestra e a sedici anni ha debuttato alla Carnegie Hall di New York con la Pittsburgh Symphony Orchestra, suo mentore fu il grande violinista Isaac Stern. Ha poi continuato gli studi con Dorothy DeLay alla Julliard School of Music di New York. Ha collaborato con direttori storici come Sergiu Celibidache, Pablo Casals, Eugene Ormandy, Claudio Abbado, Lorin Maazel, Mistislav Rosptropovich, Carlo Maria Giulini e continua a collaborare con le orchestre più celebri e i direttori più noti della scena internazionale. Ha vinto numerosi premi di prestigio, quali il Premio Accademia Musicale Chigiana di Siena, il Diapason d’Or, il Grand Prix du Disque, il Gramophone Award e l’Edison Award. Nel 2006 ha ricevuto la laurea honoris causa dall’Università Ben – Gurion di Beersheba. Oltre ad essere violinista e violista Shlomo Mintz ha aggiunto al suo curriculum artistico il ruolo di direttore d’orchestra dirigendo le più importanti orchestre internazionali. Ha fatto parte della giuria di importanti concorsi internazionali di violino, come il Tchaikovsky di Mosca e il Queen Elisabeth International Music Competition di Bruxelles.

Ad accompagnare il grande violinista il pianista Sander Sittig, nato a Rotterdam nel 1961, ha studiato al Conservatorio di Amsterdam con Jan Wijn e dopo il diploma ha continuato con Naum Grubert, Willem Brons, Eugene Indjic. Dopo aver vinto numerosi premi in diversi concorsi ha iniziato una brillante carriera concertistica in tutto il mondo. Ha inciso composizioni per pianoforte e musica da camera di Mozart ed è ospite in diversi programmi televisivi e radiofonici. Collabora in modo continuativo con la compagnia teatrale Oorkaan del Concertgebouw e con il Crans-Montana Classics Festival. Accompagna regolarmente Shlomo Mintz nei suoi concerti internazionali.

In programma la Sonata in si bem. magg. K 454 di Wolfgang Amadeus Mozart, Poeme op. 25 di Ernest Chausson, Capriccio Basco op. 24 e Fantasie de Concert des motifs de la Carmen op. 25 di Pablo de Sarasate e la “Sonatina Quatre Hommages” in  prima esecuzione assoluta alla Camerata dello stesso Mintz.

Inizio del concerto ore 20.45.

Prenotazioni per abbonamenti e biglietti presso gli Uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 tel.  080/5211908 e sul sito www.cameratamusicalebarese.it 


La 77ª Stagione “Dreamy” della Camerata Musicale Barese proseguirà lunedì 29 ottobre  al Teatro Showville con  un concerto del celebre violinista Shlomo Mintz. Inizio concerto ore 20.45.

Il violinista, riconosciuto da tempo come uno dei maestri indiscussi del panorama mondiale, sarà accompagnato al pianoforte da Sander Sitting, ed eseguirà musiche di Wolfgang Amadeus Mozart, Ernest Chausson, Pablo de Sarasate e la sua composizione “Sonatina Quatre Hommages” in  prima esecuzione assoluta alla Camerata.

Critici, colleghi e pubblico sono concordi nel considerare Shlomo Mintz uno dei maggiori violinisti del nostro tempo, stimato per la sua impeccabile musicalità, versatilità stilistica e padronanza tecnica.

Nato a Mosca nel 1957, due anni dopo è emigrato con la famiglia in Israele dove ha iniziato a studiare con Ilona Feher. A undici anni ha debuttato con la Israel Philharmonic Orchestra e a sedici anni ha debuttato alla Carnegie Hall di New York con la Pittsburgh Symphony Orchestra, suo mentore fu il grande violinista Isaac Stern. Ha poi continuato gli studi con Dorothy DeLay alla Julliard School of Music di New York.

Ha collaborato con direttori storici come Sergiu Celibidache, Pablo Casals, Eugene Ormandy, Claudio Abbado, Lorin Maazel, Mistislav Rosptropovich, Carlo Maria Giulini e continua a collaborare con le orchestre più celebri e i direttori più noti della scena internazionale, esibendosi in recital e concerti di musica da camera in tutto il mondo.

E’ attivo anche come violista, esibendosi con i migliori quartetti d’archi ed ensemble da camera e in recital ed ha aggiunto al suo curriculum artistico il ruolo di direttore d’orchestra dirigendo le più importanti orchestre internazionali.

Ha vinto numerosi premi di prestigio, quali il Premio Accademia Musicale Chigiana di Siena, il Diapason d’Or, il Grand Prix du Disque, il Gramophone Award e l’Edison Award. Nel 2006 ha ricevuto la laurea honoris causa dall’Università Ben –Gurion di Beersheba.

E’ patrono e uno dei fondatori del Keshet Eilon International Violin Mastercourse in Israele (un programma estivo di livello avanzato per giovani violinisti di talento che da tutto il mondo convergono a Kibbutz Eilon) .

Ha fatto parte della giuria di importanti concorsi internazionali di violino, come il Tchaikovsky di Mosca e il Queen Elisabeth International Music Competition di Bruxelles.

Sander Sittig è nato a Rotterdam nel 1961. Ha studiato al Conservatorio di Amsterdam con Jan Wijn e dopo il diploma ha continuato con Naum Grubert, Willem Brons, Eugene Indjic . Già durante gli studi ha fatto il suo debutto al Concertgebouw di Amsterdam e al De Doelen di Rotterdam.  Dopo aver vinto numerosi premi in diversi concorsi ha iniziato una carriera che l’ha portato a collaborare con diversi violinisti quali Shlomo Mintz, Ilya Grubert e Liza Ferschtman.

Ha inciso composizioni di Mozart per piano, musica da camera ed è ospite in diversi programmi televisivi e radiofonici . Collabora in modo continuativo con la compagnia teatrale Oorkaan del Concertgebouw e con il Crans-Montana Classics Festival.

Tra i suoi recenti concerti annovera il debutto nella Repubblica Ceca con il Concerto in re minore di Mozart ed I Quadri di un Esposizone di Mussorgsky al Festival di Marienbad. Ha suonato a Charlotte (USA) nell’ambito dei Violini della speranza, ha tenuto concerti a Brussels, Istanbul e Vienna.

Accompagna regolarmente Shlomo Mintz in concerti in Svizzera, Giappone e Olanda E’ ospite regolare a diversi festival in Italia, Svizzera, Portogallo Slovacchia e Repubblica Ceca.

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi presso gli uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel 080/5211908.


Tutto pronto per l’inaugurazione della nuova Stagione della Camerata Musicale Barese lunedì 22 ottobre al Teatro Petruzzelli con la Philarmonic Kodaly Orchestra diretta dal M° Daniel Somogyi Toth solista laVioloncellista Erica Piccotti. Inizio ore 21.

In programma Ouverture nello stile italiano in do magg. op. 170 D. 591 di Franz Schubert, il Concerto in la min. per violoncello e orchestra op. 129 di Robert Schumann e la Sinfonia n. 3 in lamin. “Scozzese” op. 56di Felix Bartholdy Mendelssohn.

Il concerto fa parte del nuovo progetto della Camerata Musicale Barese, “Orchestrando”che mette insieme quattro Orchestre con programmi particolari e con giovani ma già affermati Direttori e Solisti. Gli altre tre appuntamenti sono fissati il 5 novembre con l’Orchestra Femminile del Mediterraneo, il 2 gennaio con il “Concerto di Capodanno” eseguito dall’Odessa Philarmonic Orchestra e il 12 marzo con l’Ukrainian Chamber Orchestra.

Solista della serata sarà Erica Piccotti, straordinaria giovane violoncellista di soli 17 anni: diplomatasi in violoncello a 14 anni con il massimo dei voti, lode e menzione d'onore presso il Conservatorio di S. Cecilia di Roma sotto la guida di Francesco Storino, è vincitrice di numerosi primi premi in concorsi nazionali ed internazionali, nonché di importanti riconoscimenti (tra cui l'Attestato d'Onore "Alfiere della Repubblica" nel 2013).  Ha già suonato con alcuni dei maggiori Maestri della musica classica come Brunello, Giuranna, Accardo e si esibisce in prestigiosi festival e sale da concerto.

Il concerto sarà dedicato alla memoria del Prof. Giovanni Girone, Presidente Onorario della Associazione, per cui, per onorarne il ricordo, la Camerata Musicale Barese offre alla Città un numero limitato di 40 ingressi a costo ridotto (1° posto € 25 – 2° posto € 20) Scadenza ad esaurimento posti.

Il secondo appuntamento in Cartellone è fissato per lunedì 29 ottobre con il grandissimo Shlomo Mintz considerato dalla critica, dai colleghi e dal pubblico come uno dei più eminenti Violinisti del nostro tempo, stimato per la sua impeccabile musicalità, la sua versatilità stilistica e la sua tecnica di primissimo ordine.

Ancora in corso la campagna abbonamenti anche con promozioni particolari “Last Minute” così come sono disponibili ancora posti per l’Evento fuori abbonamento di Mario Biondi previsto per il prossimo 26 novembre sempre al Teatro Petruzzelli.

Informazioni e prenotazioni per tutti gli spettacoli in Cartellone presso i nostri uffici in via Sparano 141 infotel 080/5211908, Botteghino del Teatro Petruzzelli, Box Office c/o La Feltrinelli e sul sito www.cameratamusicalebarese.it.


Con la premiazione di tre valide promesse del pentagramma si è conclusa all’Auditorium Vallisa la rassegna della Camerata “Dedicato a.. Musica Giovani”, come sempre patrocinata anche dal Conservatorio N. Piccinni di Bari e sponsorizzata da Ubi Banca.

Ad aggiudicarsi il primo premio sono stati  il Pianista Roberto Di Napolie il Duo Pianistico formato da Tecla Argentieri e Matteo Emanuele Notarnicola.

Per questa edizione  i  premi finali sono stati calcolati  su  un incremento automatico del cachet pari al 50% al terzo, il 75% al secondo  e il 100% ai  primi.

Secondi classificati  il Duo Marcello Sette (violoncello) e Roberto Imperatrice (pianista), terzi i chitarristi Bianca Maria Minervini, Francesco Pellegrini, Davide Picci, il Duo Chitarristico Antonio Simone Palmisano – Davide Minerva, il Duo Lidia Valerio (clarinetto) – Modesto Picci (pianoforte), i soprani Anna Cimarrusti, Erika Mezzina, Stefania Sabino, la mezzosoprano Anastasia Abryutina, il baritono Cao Pei Yun accompagnati dalla pianista Domenica Attolico

La giuria era composta dal Musicologo Piefranco Moliterni,  dal  Professor Gianni Nazzareno Francia  docente del Conservatorio e  dalla Dott.ssa Rossella Negro in rappresentanza di Ubi Banca.

La Giuria  ha espresso i complimenti per l’elevato  livello dei concorrenti, che fanno certamente onore al Conservatorio, di cui sono eccellenti allievi e che si sono rivelati autentiche speranze per la nostra musica.

Il  Presidente  del Conservatorio Prof.ssa  Marida Dentamaro ha   premiato i tre vincitori, mentre sono stati consegnati  attestati di partecipazione a tutti i concorrenti.

A Ubi Banca, sponsor dell’iniziativa, la Camerata Musicale Barese ha donato una targa ricordo per i meriti ed il sostegno ai progetti culturali   a tutela del nostro  patrimonio artistico.

Roberto Di Napoliha iniziato gli studi musicali a cinque anni e nel febbraio 2017 ha conseguito, presso il Conservatorio “Umberto Giordano” di Foggia, il diploma di Pianoforte con la votazione di dieci, lode e menzione speciale, sotto la guida della prof.ssa Anna Chiara D’Ascoli. Attualmente si perfeziona con il M° Pasquale Iannone, presso il Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari, dove frequenta il Biennio accademico di II livello. Ha seguito diversi corsi di perfezionamento pianistico e masterclass tenuti da prestigiosi docenti ed è risultato vincitore del primo premio in numerosi concorsi pianistici nazionali e internazionali. Nel 2014 ha eseguito con l’Orchestra Sinfonica del Conservatorio di Foggia il Concerto per pianoforte ed orchestra KV 271 di Mozart. Nel 2016 si è esibito in un recital pianistico presso la “Marmor Saal” di Oldenburg. Nel 2017 ha tenuto un concerto a Roma presso la Sala Accademica nella stagione concertistica del Pontificio Istituto di Musica Sacra in collaborazione con la Radio Vaticana.

Al termine dei propri personali percorsi di studio condotti all’interno del Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari, Tecla Argentieri e Matteo Emanuele Notarnicola hanno intrapreso lo studio del repertorio per duo pianistico (in entrambe le formazioni, a 4 mani e due pianoforti) dando vita ad una formazione stabile con la quale esplorare le illimitate risorse musicali dello strumento a tastiera. Dopo essersi formati entrambi nella classe della prof.ssa Giovanna Valente, sono stati successivamente ammessi a frequentare i Corsi Speciali di Perfezionamento in Musica da Camera con pianoforte della Scuola di Musica di Fiesole, sotto la guida prestigiosa del M° Bruno Canino.


Lunedì 22 ottobre al Teatro Petruzzelli  inaugurazione della 77ª Stagione “Dreamy” della Camerata Musicale Barese con la Philarmonic Kodaly Orchestra diretta dal M° Daniel Somogyi Toth solista la Violoncellista Erica Piccotti. Inizio ore 21.

Il concerto inaugurale sarà dedicato al compianto Professor Giovanni Girone, Presidente Onorario della Camerata Musicale Barese e Rettore per tanti anni dell’Ateneo barese, per cui, per onorare il ricordo del proprio Presidente, l’Associazione  ha deciso di riservare  a tutto il personale dell’Università biglietti a prezzo ridotto che potranno essere acquistati esclusivamente presso gli uffici in Via Sparano 141.

La Kodály Philharmonic è l’orchestra rappresentativa della città di Debrecen, la seconda città più grande dell'Ungheria, dopo Budapest. Il primo concerto risale al 13 maggio 1923 con la denominazione di Debrecen MÁV Philharmonic Orchestra ed in breve tempo divenne una delle principali orchestra ungheresi sotto la guida di Emil Ábrányi. Negli anni ‘90, il Comune di Debrecen ha riconosciuto l'alto valore e fondamentale ruolo nella vita culturale della città e della regione ed ha assunto il sostegno e patrocinio dell'orchestra. Dal 1° ottobre 2011 Dániel Somogyi-Tóth è il Direttore generale ed artistico. L'orchestra è stata invitata più volte in Francia, Italia, Germania, Svizzera, Austria, Polonia, Slovacchia, Bulgaria, Romania, Paesi Bassi, Belgio, Lussemburgo, Corea del Sud e Marocco. Recentemente ha collaborato con Ravenna Festival alla realizzazione del trittico “Lungo ilDanubio”.

Solista della serata sarà Erica Piccotti, straordinaria giovane violoncellista di soli 17 anni.

Si diploma in violoncello a soli 14 anni con il massimo dei voti, lode e menzione d'onore presso il Conservatorio di S. Cecilia di Roma sotto la guida di Francesco Storino. E' vincitrice di numerosi primi premi in concorsi nazionali e internazionali. Tra i riconoscimenti ricordiamo nel 2012 il premio “Adriana Giannuzzi” come migliore violoncellista del Conservatorio Santa Cecilia di Roma, nel 2014 il Premio Rotary Club di Roma e il premio “Banca Monte dei Paschi di Siena” riservato ai giovani talenti dell'Accademia Chigiana. Nel 2014 anche la Filarmonica della Scala di Milano le ha assegnato una borsa di studio destinata ai migliori giovani violoncellisti italiani. Il suo debutto e? avvenuto in occasione del Concerto di Natale 2012 che si e? tenuto alla Camera dei Deputati in diretta su RAI 5 nel quale ha suonato in duo con Mario Brunello per l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia. E’ stata selezionata dal CIDIM Comitato Nazionale Italiano Musica nell’ambito del progetto Nuove Carriere. Suona un violoncello Francesco Ruggeri (Cremona, 1692) gentilmente concesso dalla Fondazione Micheli di Milano.

Erica Piccotti eseguirà, per la prima volta alla Camerata, il Concerto per Violoncello ed Orchestra di Roberto Schumann.

La Camerata fino a giovedì 18 ottobre propone 20 abbonamenti “last minute” in promozione nei settori riservati all’iniziativa (primo posto € 450,00 - secondo posto € 190,00). Le sottoscrizioni si potranno effettuare esclusivamente presso gli uffici della Camerata.

Prenotazioni per tutti gli spettacoli in Cartellone  in via Sparano 141 infotel 080/5211908, Botteghino del Teatro Petruzzelli, Box Office c/o La Feltrinelli e sul sito www.cameratamusicalebarese.it. 


Giovedì 1° novembre al Teatro Petruzzelli Gran Galà di Inaugurazione del TeatroDanzaMediterraneodella Camerata Musicale Barese con“Mediterranea”, il balletto italiano che ha conquistato il mondo.Solisti e Corpo di Ballo della Daniele Cipriani Entertainment.

“Mediterranea” è nato nel 1993 con la coreografia di Mauro Bigonzetti per il Teatro di Toscana e fu subito riproposto dalla Camerata a Bari già nel 1995 al Teatro Piccinni.

Nella prima parte dello spettacolo sono stati ideati una serie di passi a due  con la  partecipazione straordinaria dei Primi Ballerini Silvia Azzoni e Alexander Ryabko dell’Hamburg Ballett (reduci dal loro tour in Giappone insieme ai più grandi ballerini del mondo) e Sergio Bernal del Ballet National di Spagna;  artisti che con la loro bravura, straordinarietà e unicità hanno conquistato il mondo  in un progetto che  – in prima assoluta a Bari - porterà ad una vera circumnavigazione del Mediterraneo, attraverso la musica delle culture che vi si affacciano e che faranno viaggiare lo spettatore nello spazio e nel tempo. Da qui l’idea di coniugare “Mediterranea” nella seconda parte della serata.

Inno alla comunione e alle differenze delle culture che si sono confrontate nei secoli da una parte all’altra del Mare Nostrum, Mediterranea si pone come un divenire continuo di suggestioni visive, sapientemente evocate da una colonna sonora, curata insieme a Paride Bonetta, in cui musiche popolari di rara suggestione si miscelano a trascrizioni colte, da Mozart a Ligeti. Contrasti culturali, diverse forme di spiritualità, il fascino dell’ignoto e della scoperta – temi epici che ricorrono fin dall’Odissea in chi ha ‘vissuto’ questo nostro mare – si trasformano in una danza dal flusso inarrestabile e dall’attacco poderoso e sensuale insieme. Dal linguaggio di formazione (il classico) Bigonzetti prende l’amore per le linee e la regola del legato, ma lo plasma con il suo spiccato gusto per la posa scultorea, esaltando i nervi, i muscoli, la possenza fisica maschile e femminile. Istinto e logos, leggerezza e gravita. Estremi su cui si muove serrata, travolgente, spettacolare la sua danza. Creature ammantate nel nero del mistero e della notte, in rosso-come la passione e il sole che infuoca il Mediterraneo; e poi nell’etereo bianco della sua luce più abbacinante attraversano la scena ora con pose che rimandano alle sculture arcaiche, ora con slanci felini, ora lirici arabeschi di carne. Nei duetti che punteggiano la coreografia si colgono le sfumature di una condizione umana legata al ‘viaggio’: quello dell’ebrea errante con la sua storia di persecuzione nel canto hondo di Carmen Linares; quello della sposa abbandonata dall’uomo che va per mare nel meraviglioso madrigale provenzale. Ma è la danza di insieme, i ritmi cadenzati e percossi con tutto il corpo, gli zigzag delle dinamiche, le saette delle braccia e delle gambe che rompono lo spazio a creare la tensione energetica di tutto il lavoro, a darne la cifra, tra raffinatezze accademiche e quel tocco pop spettacolare che il coreografo mostrerà di amare anche in seguito.

La prima parte dello spettacolo, dedicata ai passi a due, avrà  il seguente programma: “Farruca del Molinerocoreografia di  Antonio Ruiz Soler,  musica Manuel de Falladanza Sergio Bernal,  “Adagietto” coreografia di John Neumeiermusica di Gustav Mahlerdanzano Silvia Azzoni e Aleksandr Ryabko , “The Swancoreografia  di Ricardo Cue musica di  Camille Saint-Saens danza Sergio Bernal e “Spring and Fall”coreografia di  John Neumeiermusica di Antonín Dvo?ák danzano Silvia Azzoni e Aleksandr Ryabko.

Lo spettacolo è in esclusiva per la Camerata Musicale Barese.

Continuano intanto le prenotazioni di abbonamenti per la 77ª Stagione come anche le prenotazioni per il primo grande Evento di Mario Biondi del 26 Novembre.

 Informazioni e prenotazioni presso gli Uffici della Camerata Musicale Barese in Via Sparano 141 infotel. 080/5211908, Box Office della Feltrinelli, Botteghino del Teatro Petruzzelli e sul sito www.cameratamusicalebarese.it